I Testi delle grandi traduzioni dautore

 

Nanni Svampa traduce Georges Brassens

 

IN QUESTA PAGINA:

 

* Al Mercaa de Porta Romana

* Canzon per el Rotamatt

* Donne di piacere

* El Disgraziaa

* El Rocchet

* El Sposalizi

* El Temporal

* I Panchett

PAGINA 2:

 

* Lera on bell fior

* Lerba matta

* La Ginetta

* La mia Ganza

* Madnna varda gi

* Mi sont on Malnatt

*Tromboni de la Pubblicit

Home Page

 

 

 

Testi

 

 

Al Mercaa de Porta Romana

[Hcatombe]

 

Al mercaa de Porta Romana

Per 'na stria de quatter scigoll

Tucc i dnn, saran staa ona vintenna,

S'eren miss adree a f question.

A p, in bicicletta, de corsa

Riven i ghisa e on quaj pollee

Poeu on quajvun el se scalda e'l vosa

Per fermaj e per faj tas.

 

M me par che anca i pussee stupid

Quand se tratta de ciappaj su

Ben o mal, tanto ormai l' inutil,

Van via tucc e ne parlen p.

Lilinsc inveci de moccala

S'inn scaldaa tucc anm pussee

E han taccaa a d via btt devvera

Contra i ghisa e adss ai pollee.

 

Quand hoo vist i donnett per terra

Ch'eren 'dree a ciappaj su de bon

M' vegnuu come ona gran voeuja

De salt gi a dagh ona man.

Del sest pian dove che gh'hoo la stanza

Ghe vosavi gi 'm on strascee :

 Daj ch'hinn ctt, che gh'han tropa panscia !

Forza dnn, degh adss, al !! 

 

A 'n bell moment voeuna la se tacca

Ai calzon d'on vecc maresciall

Che'l caiss el se sbatt el vosa :

 Abass le legg e cchi le ffa ! 

'N'altra la salta s 'me ona bissa

e la streng fort in mezz ai ciapp

El crapon del sergent di ghisa

Che'l se mett a cri 'm on matt.

 

La pussee grassa de la banda

La sbottnna el s reggipett

E a tucc quej che ghe gira intorna

La ghe mlla cazztt coi tett.

Che castt : i pollee che vosen

E i donnett che ghe van adss.

Se sa minga indove l' che picchen

Fatto sta che se sent i ss.

 

Quand han vist ch'han vinciuu la guerra

Che faseva p nient nissun

I donnett s'hinn sbassaa per terra

A catt su ancam i scigoll.

Gh' restaa per ona gran voeuja

De 'nd indree a streppagh via i marron.

Meno mal gh'i aveven minga,

Se de n gh'el faseven de bon !

 

 

Al Mercato di Porta Romana

 

 

Al mercato di Porta Romana

per una storia di quattro cipolle

tutte le donne, saranno state una ventina,

s'erano messe a questionare

A piedi, in bicicletta, di corsa

arrivano i vigili e qualche poliziotto

poi qualcuno si scalda e grida

per fermarle e farle tacere.

 

A me sembra che anche i pi stupidi

quando si tratta di prenderle

bene o male, tanto ormai inutile,

vanno via tutti e non ne parlano pi.

L invece di smetterla

si sono azzuffati ancora d pi

e hanno cominciato a dar via botte sul serio

contro i vigili e addosso ai poliziotti.

 

Quando ho visto le donnette per terra

che stavano prendendole sul serio

mi venuta come una gran voglia

di saltar gi a dar loro una mano

Dal sesto piano dove ho la stanza

gridavo gi come uno stracciaio

"dai, che sono cotti, che hanno troppa pancia

forza, donne, dategli addosso, al!"

 

A un bel momento una si attacca

ai calzoni di un vecchio maresciallo

che strilla si sbatte e grida:

abbasso le leggi e chi le fa!

Un'altra salta su come una biscia

e stringe forte fra le chiappe

il testone del sergente dei vigili

che si mette a gridare come un matto

 

La pi grassa della banda

slaccia il suo reggipetto

e a tutti quelli che le girano attorno

molla cazzotti con le tette

Che casino: i poliziotti che gridano

e le donnette che li assaltano

non si sa dove picchiano

fatto sta che si sentono le ossa.

 

Quando hanno visto che avevano vinto la guerra

che non faceva pi niente nessuno

le donnette si sono abbassate per terra

a raccogliere ancora le cipolle

Gli rimasta per una gran voglia

di andare indietro a strappargli le balle

Meno male non le avevano

altrimenti lo avrebbero fatto sul serio.

 

 

 

Canzon per el Rotamatt

(Chanson pour l'Auvergnat )

 

Canti per t la mia canzon

t el rotamatt, t el m barbon

che te m'hee daa on poo de mangi

quand seri restaa senza c

che te m'hee daa on tcch de pan dur

quand i barbnn che gh'avevi in gir

i sciori e la gent per ben

maveven trattaa pesg d'on can

 

L'era dom on tch de pan

ma l' sta asse de tir l

el s profumm el senti anm

me par de ves 'dre anm a sgagnal.

 

Rit. :

T el m barbon quand te veet de l

quand el Signor el te ciamar

te 'ndareet drizz t e i t barbis

a st in Paradis.

 

Canti per t la mia canzon

t el rotamatt, t el m barbon

che te m'hee daa el t palt vecc

quand seri strasciaa e pien de frecc

Che te m'hee faa scald on poo i ss

quand sont restaa con nagtt adss

quand hann brusaa anca i panchett

e m seri senza calzett

 

L'era dom on tcch de strasc

ma l' staa assee de tir l

el s calor el senti anm

me par de vess 'dree a mettel s.

 

T el m barbon....

 

Canti per t la mia canzon

ti el rotamatt, t el m barbon

che t'hee piangiuu e te m'hee vardaa

quand seri sconduu e m'hann ciappaa

Che te m'hee daa on poo del t coeur

quand i padroni e i commendator

hann faa e desfaa in fra de lor

e m mhann menaa a San Vittor

L'era dom on poo d'amor

ma l' staa assee de tir l

el t sorris el vedi anm

compagn s'el fudess pitturaa

 

T el m barbon.. ...

 

 

Canzone per il Rigattiere

 

 

 

Canto per te la mia canzone

tu il rigattiere, tu il mio barbone,

che m'hai dato un po da mangiare

quando sono rimasto senza casa

che mi hai dato un pezzo di pane duro

quando le barbone che avevo in giro

i signori e la gente per bene

mi avevano trattato peggio di un cane

 

Era soltanto un pezzo di pane

ma stato sufficiente per tirare avanti

ed il suo profumo lo sento ancora:

mi sembra di stare ancora a morsicarlo.

 

Rit.:

Tu il mio barbone, quando andrai di l

quando il Signore ti chiamer

andrai dritto, tu e i tuoi baffoni

a stare in paradiso.

 

Canto per te la mia canzone

tu il rigattiere, tu il mio barbone,

che mi hai dato il tuo cappotto vecchio

quando ero stracciato e pieno di freddo

che mi hai fatto scaldare un po' le ossa

quando sono rimasto con niente addosso

quando hanno bruciato anche le panchine

ed io ero senza calze

 

Era soltanto un pezzo di straccio

ma stato sufficiente per tirare avanti

ed il suo calore lo sento ancora

mi sembra ancora di indossarlo.

 

Tu il mio barbone...

 

Canto per te la mia canzone

tu il rigattiere, tu il mio barbone

che hai pianto e mi hai guardato

quando ero nascosto e mi hanno preso

che m'hai dato un po' del tuo cuore

quando i padroni ed i commendatori

hanno fatto e disfatto fra di loro

ed hanno portato me a San Vittore

Era soltanto un po' d'amore

ma stato sufficiente per tirare avanti

ed il tuo sorriso lo vedo ancora

come se fosse dipinto.

 

Tu il mio barbone ...

 

 

 

Donne di piacere

(La complainte des filles de joie - Svampa-Brassens)

 

I sciori i pret e i dnn per ben

i sciori i pret e i dnn per ben

i e ciamen dnne di piacer

i e ciamen dnne di piacer

per hinn minga l a f baldoria

a Porta Vittoria

per hinn minga l a f baldoria.

 

Ti e troeuvet l in sul marciap

t'i e troeuvet l in sul marciap

a seguit a f avanti e indree

a seguit a f avanti e indree

per ghe doeur semper la s'cenna

anca a quej de l'Arenna

per ghe doeur semper la s'cenna.

 

Gh'han minga dom el mal de p

gh'han minga dom el mal de p

i caj e i bignon de fagh adree

i caj e i bignon de fagh adree

ogni tant gh' anca l'ambulatori

se no son dolori

ogni tant gh' anca l'ambulatori.

 

E poeu gh' in gir tanti voncion

e poeu gh' in gir tanti voncion

che spuzzen come di cavron

che spuzzen come di cavron

ghe tocca anca fagh la bugada

per ben che la vaga

ghe tocca anca fagh la bugada.

 

D'accordi fan i saltafss

d'accordi fan i saltafss

fan finta de sent on quajcss

fan finta de sent on quajcss

ma intant che ghe mllen la grana

ghe disen puttana

intant che ghe mllen la grana.

 

La gent i e tratta cont i pee

la gent i e tratta cont i pee

hinn semper stta coi pollee

hinn semper stta coi pollee

e pden ciapp anca la rgna

verggna, verggna

e pden ciapp anca la rgna

 

Se tucc i ser hinn semper l

se tucc i ser hinn semper l

se sposen trenta vlt al d

se sposen trenta vlt al d

l' n per la soa bella faccia

gh' anca el magnaccia

l' n per la soa bella faccia.

 

E ti, car el m bell fiolasc,

e ti, car el m bell fiolasc,

toeu minga in gir sto cadenass

toeu minga in gir sto cadenass

sta povera veggia carcassa

che adss la te brascia

sta povera veggia carcassa.

 

Gh' mancaa pocch, car el m t

gh' mancaa pocch, car el m t

e sta puttana che gh' ch

e sta puttana che gh' ch

la podeva vess la toa mamma

la vita l' strana

la podeva vess la toa mamma.

 

 

 

Donne di piacere

 

 

I signori, i preti e le donne perbene

i signori, i preti e le donne perbene

le chiamano donne di piacere

le chiamano donne di piacere

per non sono l a far baldoria

a Porta Vittoria

per non sono h a far baldoria.

 

Le trovi l sul marciapiedi

le trovi l sul marciapiedi

a continuare a fare avanti

a continuare a fare avanti

e indietro per hanno sempre male alla schiena

anche quelle dell'Arena

per hanno sempre male alla schiena.

 

Non hanno solo il mal di piedi

non hanno solo il mal di piedi

i calli e i foruncoli da curare

i calli e i foruncoli da curare

ogni tanto c' anche l'ambulatorio

se no sono dolori

ogni tanto c' anche l'ambulatorio.

 

E poi ci sono in giro tanti sporcaccioni

E poi ci sono in giro tanti sporcaccioni

che puzzano come caproni

che puzzano come caproni

gli devono fare anche il bucato

per bene che vada

gli devono fare anche il bucato.

 

D'accordo, fanno gli imbrogli

d'accordo, fanno gli imbrogli

fanno finta di provare qualcosa

fanno finta di provare qualcosa

ma intanto che le mollano i soldi

la chiamano puttana

intanto che le mollano i soldi.

 

La gente le tratta con i piedi

La gente le tratta con i piedi

sono sempre sotto con i poliziotti

sono sempre sotto con i poliziotti

e possono prendere anche la rogna

vergogna, vergogna

e possono prendere anche la rogna.

 

Se tutte le sere sono sempre l

se tutte le sere sono sempre l

e si sposano trenta volte al giorno

e si sposano trenta volte al giorno

non per la loro bella faccia

c' anche il magnaccia

non per la loro bella faccia.

 

E tu caro il mio bel ragazzotto

e tu caro il mio bel ragazzotto

non prendere in giro questo catenaccio

non prendere in giro questo catenaccio

questa povera vecchia carcassa

che adesso ti abbraccia

questa povera vecchia carcassa.

 

C' mancato poco, caro te

C' mancato poco, caro te

e questa puttana che c' qui

e questa puttana che c' qui

poteva essere tua mamma

la vita strana

poteva essere tua mamma.

 

 

 

El Disgraziaa

(La mauvaise rputation)

 

Al paes indove seri sfollaa

mi me ciamaven el disgraziaa

anca se stavi di mes in c

mi seri semper el disgraziaa

M gh'hoo faa nagtt de mal a nissun

stavi in de per m stta la mia lunna:

ma la gent la dis mai de s

a quej che la pensen compagn de m

N, la gent la te d del longh

se te vet minga dove che van lor:

quand ormai t'han classificaa

te saret semper "el disgraziaa ".

 

Quand la gent la ciamava el re

m andavi avanti a lavamm i p

se gh'era ona quaj celebrazion

m seri in lett cont el raffreddor.

M gh'hoo faa nagtt de mal a nissun

se sont minga andaa a sonnl trombon:

ma la gent la dis mai de s

a quej che la pensen compagn de m

N, la gent la te d del longh

se te vet minga dove che van lor:

Quand ormai t'han classificaa

te saret semper "el disgraziaa ".

 

Quand vedevi on quajvun scapp

con d michett per pod mangi

mi spettavi sconduu i pollee

poeu ghe fasevi el sgambett dedree:

m gh'hoo faa nagtt de mal a nissun

a lass mangi quej ch'han faa la guerra:

Ma la gent la dis mai de s

a quej che la pensen compagn de m:

n, la gent la te d del longh

se te vet minga dove che van lor:

Quand ormai than classificaa

te saret semper "el disgraziaa ".

 

On bell d hoo cattaa su i m strasc

l'era d'inverno el faceva frecc

senza dighel al scior curaa

hoo faa i valis e sont tornaa a c.

M gh'hoo faa nagtt de mal a nissun

Seri in de per m anca a la stazion:

Ma la gent la dis mai de s

a quej che la pensen compagn de m

N, la gent la te d del longh

se te vet minga dove che van lor:

Quand ormai t'han classificaa

te saret semper "el disgraziaa ".

 

 

Il Disgraziato

 

 

Al paese dove ero sfollato

mi chiamavano il disgraziato

anche se stavo per mesi in casa

io ero sempre il disgraziato.

Io non ho fatto niente di male a nessuno

stavo da solo sotto la mia luna.

Ma la gente non dice mai di s

a quelli che la pensano come me

no la gente ti snobba

se non vai dove vanno loro

quando ormai ti hanno classificato

sarai sempre il disgraziato.

 

Quando la gente chiamava il re

io continuavo a lavarmi i piedi

se c'era qualche celebrazione

io ero a letto col raffreddore.

Io non ho fatto niente di male a nessuno

se non sono andato a suonare il trombone.

Ma la gente non dice mai di s

a quelli che la pensano come me

no la gente ti snobba

se non vai dove vanno loro

quando ormai ti hanno classificato

sarai sempre il disgraziato.

 

Quando vedevo qualcuno scappare

con due michette per poter mangiare

io aspettavo nascosto i poliziotti

e poi gli facevo lo sgambetto da dietro.

Io non ho fatto niente di male a nessuno

lasciando mangiare quelli che han fatto la guerra

Ma la gente non dice mai di s

a quelli che la pensano come me

no la gente ti snobba

se non vai dove vanno loro

quando ormai ti hanno classificato

sarai sempre il disgraziato.

 

Un bel giorno ho raccolto i miei stracci

era d'inverno e faceva freddo

senza dirlo al signor curato

ho fatto le valigie e sono tornato a casa

Io non ho fatto niente di male a nessuno

ero da solo anche alla stazione.

Ma la gente non dice mai di s

a quelli che la pensano come me

no la gente ti snobba

se non vai dove vanno loro

quando ormai ti hanno classificato

sarai sempre il disgraziato.

 

 

El Rocchet

[Le Mauvais Sujet Repenti]

 

La camminava in d'on palt finta marmtta

E la batteva i marciap 'm ona pigtta

Ma la se dava on sacch de f per f la grana

m hoo cap che l'era noeuva e foeura zna.

 

Sta povera tosa la m'ha faa insc tanta pena

Vedla in gir con sto strascett d'ona sottana

Vedela semper insc mal organizzada

Che m gh'hoo ditt  fa n la scema, cambia strada .

 

Ve disaroo la verit, gh'era la stoffa

Ma se p n and a f la vita insc de pressa

Ghe va vess bon de f i danee senza trass via

Se dev sav tutt i truchett de sagrestia.

 

Perch per f anca el s mestee, prca sidella,

L' minga assee de vess truccada e de vess bella

Te pdet n men i ciappett tutta genada

Ghe va on colpett segonda chi passa per strada.

 

Dopo pcch temp gh'avevom numm tutta la zna

Se dividevom a met tutta la grana

I incass cresseven tucc i d, naturalmente,

Le l'era el crp, va ben d'accrd, ma io la mente.

 

Poeu in d'ona sera disgraziada ch'el pioveva

Per and insemma a on sbarbatell de via Borggna

La s' impestada 'm ona scema sta teresa

E la m'ha daa la mia met de la soa rgna.

 

M'han faa cinquanta o cent pontur de rbba strana

M hoo pientaa l de f el mestee de fa la grana

El rocchet l' diventaa on mestee de sciori

Sont minga matt de quell pass ch voo al sanatori.

 

Poeu l'hoo pientada in de per lee sta brutta stria

Lee l' tornada a f la scema in quella via

Adess la va anca coi pollee, brutta barbnna :

Gh' prpi p de religion, santa Madonna.

 

 

 

Il Protettore

 

Camminava in un palt finta marmotta

e batteva i marciapiedi come una bambola

ma si dava un sacco da fare per far soldi

ed io ho capito che era nuova e fuori zona

 

Questa povera ragazza mi ha fatto cos tanta pena

a vederla in giro con sto straccetto duna sottana

a vederla sempre cos male organizzata

che le ho detto Non fare la scema, cambia strada.

 

Vi dir la verit, aveva la stoffa

ma non si pu andare in vita cos di corsa

bisogna saper fare i soldi senza trascurarsi

si devono conoscere tutti i trucchetti di sagrestia

 

Perch anche per fare il suo mestiere, porca padella,

non abbastanza essere truccata ed essere bella

non puoi muovere le chiappette tutta gelata

ci vuole un colpetto a seconda di chi passa per strada.

 

Dopo poco tempo avevamo noi tutta la zona

ci dividevamo a met tutti soldi

gli incassi naturalmente crescevano tutti i giorni

lei era il corpo, va benne daccordo, ma io la mente.

 

Poi una sera disgraziata che pioveva

per andare insieme ad un giovanotto di via Borgogna

si impestata come una scema sta poveretta

e mi ha dato la mia met della sua rogna.

 

Mhanno fatto cinquanta o cento punture di roba strana

io ho piantato il mestiere e di fare i soldi

il protettore diventato un mestiere da signori

non sono mica matto, di questo passo vado allospedale

 

Poi lho piantata per conto suo sta brutta strega

lei tornata a fare la scema in quella via

adesso va anche coi poliziotti, brutta barbona:

non c proprio pi religione, santa Madonna.

 

 

El Sposalizi

[La Marche Nuptiale]

 

Matrimni d'amor, matrimni de danee

N'hoo vist de tucc i razz, col sindich o col prt

Hoo vist sposass i sciori oppur la pra gent

Balord chel se spacciaven per vice-dirigent.

 

Ma anca se stoo al mond fin a la fin del temp

Per semper gh'avaroo stampaa in la mia ment

El d del sposalizi de m pap e m mamma

Che andaven a sposass in d'ona manera strana.

 

Sora on carett de fen con lee settada dent

Tiraa de tucc i amis insemma coi parent

I vecc innamoraa hinn andaa a f giurament

Dopo vint'ann de amor, de grand fidanzament.

 

Passavom in corteo, andavom stt al s

La gent la me lumava coi oeucc foeura del coo

A serom vardaa mal, istess come and in galera

Perch s'era mai vist sposass in sta manera.

 

A on bell moment el temp el gira e'l voeur cambi

El vent el prta via el capell del m pap

Poeu subit dpo adree on'acqua de la madnna

Pareva la voress blocc la cerimonia.

 

Me par de ved anm la sposa che la piang

E che la streng al coeur i s bej fior d'aranz

E insc per consolala intant che la piangeva

Sonavi con l'armonica tutt quell che m saveva.

 

I amis cont i parent vosaven come matt:

 Anca se vegn gi el ciel quij l deven sposass 

Per el pap e la mamma vosven senza posa :

 Daj che ormai ghe semm: evviva la sposa ! 

 

 

 

 

Il matrimonio

 

Matrimoni d'amore, matrimoni d'interesse

ne ho visti di tutte le razze, col sindaco e col prete

ho visto sposarsi i signori e la povera gente

balordi che si spacciavano per vice dirigenti

 

Ma anche se st al mondo fino alla fine del tempo

per sempre avr stampato nella mente

il giorno del matrimonio di mio padre e mia madre

che andavano a sposarsi in una maniera strana

 

Sopra un carretto di fieno, con lei seduta dentro,

tirato da tutti gli amici insieme coi parenti

i vecchi innamorati sono andati a far giuramento

dopo vent'anni d'amore, di gran fidanzamento

 

Passavamo in corteo, andavamo sotto il sole,

la gente ci scrutava con gli occhi fuori dalla testa

eravamo guardati male, come se andassimo in galera

perch non s'era mai visto sposarsi in questa maniera

 

A un certo punto il tempo si mette al brutto

il vento porta via il cappello a mio pap

e subito dopo un acquazzone della madonna

sembrava volesse bloccare la cerimonia

 

Mi sembra di vedere ancora la sposa che piange

e che stringe al cuore i suoi bei fiori d'arancio

cos per consolarla mentre piangeva suonavo

sull'armonica tutto quello che sapevo

 

Gli amici ed i parenti gridavano come matti

anche se si rovescia il cielo quei due devon sposarsi

per la mamma ed il pap gridavan senza posa:

"di che oramai ci siamo: evviva la sposa!".

 

 

El temporal

(L'orage)

 

M me pias el brutt temp,

lassa st el mes de luj

quand l' on poo ch'el pioeuv n

m me vegn de tra s;

dom s'el pioeuv m sont alegher

perch il pi grande amore

che ghhoo avuu fin adess

se gh'hoo de vess sincer

l' rivaa gi del ciel

on d che l'era brutt e negher.

 

L'era el mes de november,

'na sera de quej

che tronava e pioveva

coi saett in ciel.

La mia visina la me snna

in camisa de ntt,

la me dis: per pias,

sont a c in de per m,

sola e senza mar,

mi tenga qui

che ghhoo paura ...

 

Sa com' - la me f

el m mar l' sort

per and in gir a vend

propi quij affari l.

come se cimen? ...parafulmini,

tutti i vlt chel Signor

el fa pioeuv e tron

el me pienta ch in c

perch l el ghha de nd

a fa l suo giro per la ditta!

 

Benedetto Franklin

che invent il parafulmine!.

M ghe disevi

e la basavi su.

E poi l'amore ha fatto il resto

T che te vet in gir

a pientann de per tutt

te dovarisset pientann

on quajvun anca ch

sora el t tecc de pastafrolla!

 

 

Quand i nivor in ciel

cont i tron e i saett

hinn andaa pussee in l,

la salta su del lett

e la me dis: ora va meglio!

L'ha cattaa su i s strasc

e l' andada de l

poeu la m'ha daa el pontell

per el primm temporal:

per quando torna la bufera!

 

M soo n se succed,

ma l' giam on quaj mes

che m sbassi p i oeucc,

che vardi sempr' in ciel:

stoo l a vard se gh' ona nivora

che la vaga a scontrass

cont i alter de bass

voo a ved i prevision

a la televison

ma l'hoo p vista nella zona.

 

Sto pirlon d'on marii

l'ha faa su tant danee,

l'ha venduu quel d l

tanti tocchej de ferr

che l' diventaa milionari

e hinn andaa de per lor

a f la vita del scior

in d'on pst che soo n

'm 'l se ciama per

comunque l non piove mai!

 

'Dss mi speri dom

che quand sont' dree a cant

ghe siffola i orecc

e ghe par che in sul tecc

l dree a vegn gi anm el diluvi

e la ghe disa al marii

che vun di tanti d

quand che l l'era adree

a f su i s danee

ci fu per lei il colpo di fulmine.

 

 

 

Il temporale

 

 

A me piace il brutto tempo,

lascia stare il mese di luglio

quando un po' che non piove

mi viene da vomitare

solo se piove sono allegro

perch il pi grande amore

che ho avuto fnora

se devo essere sincero

venuto gi dal cielo

un giorno che era brutto e nero

 

Era il mese di novembre,

una sera di quelle

che tuonava e pioveva

con i fulmini in cielo

la mia vicina mi suona

in camicia da notte

mi dice per piacere

sono a casa da sola,

sola e senza marito

mi tenga qui che ho paura!

 

Sa com' - mi dice

mio marito uscito

per andare in giro a vendere

proprio quegli affari l

come si chiamano?... parafulmini

tutte le volte che il Signore

fa piovere e tuonare

lui mi pianta qui in casa

perch deve andare

a fare il suo giro per la ditta.

 

Benedetto Franklin

che invent il parafulmine

io le dicevo e la baciavo

e poi l'amore

ha fatto il resto

Tu che vai in giro

a piantarne dappertutto

dovresti piantarne

qualcuno anche qui

sopra il tuo tetto di pastafrolla

 

 

 

Quando le nuvole in cielo

con i tuoni e i fulmini

sono andate pi in l

lei salta su dal letto

e mi dice ora va meglio

Ha raccolto i suoi stracci

poi andata di l

e mi ha dato appuntamento

per il primo temporale

per quando torna la bufera.

 

lo non so cosa succede,

ma gi qualche mese

che non abbasso pi gli occhi,

che guardo sempre in cielo

Sto h a guardare se c' una nuvola

che vada a scontrarsi

con le altre da basso

vado a vedere le previsioni

alla televisione

ma non l'ho pi vista nella zona

 

Quel pirlone d'un marito

ha fatto tanti soldi,

ha venduto quel giorno

tanti pezzi di ferro

che diventato milionario

e sono andati da soli

a far la vita dei signori

in un posto che non so

come si chiama, per

comunque l non piove mai

 

Adesso io spero soltanto

che quando sto cantando

le fischino le orecchie

e le sembri che sul tetto

stia venendo gi ancora il diluvio

e che dica al marito

che uno dei tanti giorni

in cui lui stava

facendo i soldi

ci fu per lei il colpo di fulmine.

 

 

I Panchett

(Les amoreux sur le bancs pubblic)

 

Quej cont on cervell ristrett

Pensen che sti panchett

Che vedom per i strad

Hinn miss l dom

per f sett gi i disgraziaa

Ma per l minga insc

Se propi devi d

Perch i hann sistemaa:

L per f sett

i moros che voeuren limon

 

Ritornell:

A i namoraa settaa gi l in su quej panchtt

Semper l su i panchtt

Ghe ne importa no de f disptt

A la gent che passa.

I namoraa settaa gi l in su quej panchtt

Semper l su i panchtt

Quand che lee l dree a mangi on sorbtt

Ll ghe va intorna a f el gallt

 

Poeu se tgnen per la man

E parlen del doman

Discuten di color

De mtt su sora i paret

in camera de ltt

Gi se veden sistemaa

Lee quietta a rammend

E l chel passa i or

A cercgh el nmm

del primm de tanti ciappintt

 

(ritornell)

 

Quand che mamma, fioeu e pap,

La zia cont el curaa

Ghe passen li dedree,

Van adree a sbragi che ormai

gh p de religion,

Ma per voeuri scommtt

Che specie a quej donntt

Ghe piasaria pod

Settas gi anca lor

l insc cont on giovinotton

 

(ritornell)

 

Quand i ann sarnn passaa

Se sarnn brusaa

I sgn in del casstt,

Quand el ciel sora de lor

el sar brutt e scur

Se ne accorgernn de cert

Che su qej panchtt verd

Settaa a fss disptt

Hann passaa i moment miglior

de tutt el lor amor

 

(ritornell)

 

 

Le Panchine

 

 

Quelli con un cervello ristretto

Pensano che queste panchine

Che vediamo per le strade

Siano messe l solo

Per far sedere i disgraziati

Ma per non cos

Se proprio devo dire

perch le han sistemate:

per far sedere i morosi

che vogliono limonare

 

Rit.:

Agli innamorati seduti l su quelle panchine

Sempre l sulle panchine

Non gliene importa di far dispetto

Alla gente che passa

Gli innamorati seduti l su quelle panchine

Sempre l sulle panchine

Quando lei sta mangiando un gelato

Lui le gira intorno a fare il galletto

 

Poi si tengono per la mano

E parlano del domani

Discutono dei colori

Da metter sulle pareti

In camera da letto

Gi si vedon sistemati

Lei tranquilla a rammendare

E lui che passa le ore

A cercare il nome

del primo di tanti marmocchietti

 

Rit.

 

Quando capita che madri con figli e pap (al seguito),

la zia con il curato

passano loro dietro,

vanno avanti a lamentarsi che ormai

non c pi religione

Io per vorrei scommettere

Che soprattutto a quelle donnette

Piacerebbe potersi

Sedere anche loro

Cos con un bel giovanottone

 

Rit.

 

Quando saranno passati gli anni

e si saranno bruciati

I sogni nel cassetto

Quando il cielo sopra di loro sar brutto scuro

Se ne accorgeranno certamente

Che su quelle panchine verdi

Seduti a farsi i dispetti

Hanno passato i momenti migliori

Di tutto il loro amore.

 

 

 

 

Home Page