I Testi delle Canzoni Milanesi dAutore

 

 

La Canzone Milanese oggi

 

 

 

*Articolo 31 - La ballata di Johnny Cannuccia

*Elio e le storie tese - Zelig: La connession del polpacc

*Van de Sfroos - Il figlio di Guglielmo Tell

*Van de Sfroos - La Ncc

*Walter Di Gemma - El Pret de Ratanaa

*I Cantamilano - Fagioloni

 

 

 

 

 

 

Testi

 

 

 

La ballata di Johnny Cannuccia


Me ciamen Johnny Cannuccia
El noeuv gag de Milan
L' na rbba tremenda

quand che me passen davanti i sottann


Me ciamen Johnny Cannuccia
Perch sn magher e longh
Perch me pias sciusci i tosann
Come el vin, quand che l' bn


Sciora sciora sciora portem a c
Sciora sciora sciora soo n dove and
Sciora sciora sciora portem adree
Sciora sciora sciora stoo minga in pee


Io sono Johnny Cannuccia
Sn anca and dal dottor
Ma el me diceva: Non beva pi
E mi ghhoo dii: Va d vial c


Sciora sciora sciora portem a c
Sciora sciora sciora soo n dove and
Sciora sciora sciora portem via


Col sorriso da bambina
E la gamba sifolina
Te see la pussee bella dell'osteria
On alter quartin e te sposaria

Torna allinizio

 

 

 

 

Zelig: La cunesin del pulpacc

(Belisari-Conforti-Civaschi-Fasani)

 

Questa sera son prpi trist

Voeuri far trii pass a ped

Voeuri andar in cuel bel local

Dov se rid e se sta minga mal

 

Coeusa riden lo sa la Madnna

Con cuei pressi che ghhan de pagaa

Mi me sembren vunna massa de pirla

Dree a pplaud vun alter pirla

 

E intant sfratten la povera gent

Che fa la vitascia (fa la vitascia)

E a la tele si vede Israele

che spacca le braccia (spacca le braccia)

 

E i drogaa che se fan i pontur (sic sic)

E i finoeucc che se slarghen el cuu (prot prot)

Ciapen lAIDS e vegnen ch denter al Zelig

e ghel tacchen a tucc

 

Martesana, Martesana prosciugada (prosciugada)

Mi me meravigli perch voeugni tant

Te toeugnen lacqua (toeugnen lacqua)

Quand seri giovin ghe fasevi el bagn

 

E indess che son vecc

Ghe foo p on cazz

Ma perch non prosciughen el Zelig

e non fanno un monumento a Elio e le Storie Tese

Torna allinizio

 

 

 

 

Il figlio di Guglielmo Tell

(Davide Benasconi)

 

Sun't el fi del Guglielmo Tell, che l'era un gran mm
per de me, i geent, i se regrden gnanca el nmm
e pens che sri m, quel fi cun la poma in se la crpa
e pudvi mea trem e pregvi"spermm che la cipa !"
E i geent i me vardven tcc, i me vardven gi la finestra
i cc i me puntven tcc, ma me vardvi la balestra

"Di pap, di papProviamo almeno con l'anguria"
"Non dubitar di me figlio mio, lo sai che divento una furia!"
"Di pap, di papProviamo almeno col melone"
"Non si pu figlio mio, tu lo sai e poi non neanche la stagione"
"Dai pap,dai papProviamo almeno col pompelmo"
"Non temere figliolo, tuo pap si chiama Guglielmo !"

Per l' mea p taant bllvss el fi del Guglielmo Tell
perch me de qula volta sun in giir cun l el patll
e sun cunteent per el m p, che l'han fatto eroe nazionale
ma da allora se vedo una mela comincio a stare malema male

El pap l'era gi in fuund, l'era gi ch'el ciapva la mira
e me sdavi frcc perch tra l'altro el segtava e segtava a beev gi bra
"Desmtela de beev, pap, se no te ghe vedet dppi"
"Niente paura figliolo, maal che vdate cpi !"
Ecco lo sento, lo sentoadesso scocca!
"Chi quel pirla che ha parlato? Come sarebbe a dire :
"Proviamo con l'albicocca ?"

Perch l' mea p taant bllvss fi del Guglielmo Tell

Sun't el fi del Guglielmo Tell
che s' mea sbassa a sald un capll

 

Traduzione: Sono figlio di Guglielmo Tell, che era un grande uomo, per di me, le persone, non si ricordano neanche il nome E pensare che ero io quel bambino con la mela sulla testa e non potevo tremare e pregavo"speriamo che la prenda!" e la gente mi guardava, mi guardavano tutti dalla finestra. Tutti gli occhi mi puntavano, ma io guardavo la balestra.
"Dai pap, dai papProviamo almeno con l'anguria" "Non dubitar di me figlio mio, lo sai che divento una furia !" "Dai pap, dai papProviamo almeno col melone" "Non si pu figlio mio, tu lo saie poi non neanche la stagione" "Dai pap, dai papProviamo almeno col pompelmo" "Non temere figliolo, tuo pap si chiama Guglielmo !" Per non poi cos tanto bello essere figlio di Guglielmo tell, perch io da quella volta sono in giro con il patello e son contento per mio padre, che l'hanno fatto eroe nazionale ma da allora se vedo una mela comincio a stare malema male Il pap era gi in fondo, era gi che prendeva la mira e io sudavo freddo perch tra l'altro continuava a bere birra "Smettila di bere, pap, se no ci vedi doppio" "Niente paura figliolo, male che vadati uccido!" Ecco lo sento, lo sentoadesso scocca ! "Chi quel pirla che ha parlato? Come sarebbe a dire: "Proviamo con l'albicocca ?" Perch non poi cos tanto bello essere figlio di Guglielmo Tell Sono il figlio di Guglielmo Tell che non si abbassato a salutare un capello

Torna allinizio

 

 

 

 

La Ncc

(Davide Bernasconi)


I hnn sci i fantasmi cun't i reumatismi
i hnn sci i vampiri senza deenc
l' sci la ncc cun't el maa de crpa
che la v a durm trda gi in sel laagh

I hnn sci i barboni cun la facia strscia
e i cartoni per quatss el c
hann tiraa fe tcc i so ricordi
e i hann brsaa per sculdss i man

I hnn sci i taxisti cun la fcia gilda
e i caramba cun la fcia ble
i hnn sci i suldaa cun la gica vrda
vnn tcc insma a reseg i tusnn

L' rvada la ncccun la sua butga rta
la sua umbrla sgavezzda
e l'umbria senza i vestii

L' sci la mmmia cun la pancra
e l'arcangel cun l'afregiu
l' sci la stria in se la muturta
l' sci anca el divul a pag de beev

I hnn sci i playboy senza gnaa unadna
i hnn sci anca i dnn cun sci dum un bceer
hann faa amicizia in se 'na Panda Sisley
dal finestrn l' gula fe un guldn

I hnn sci anca i fe i ldri e i assassn
i vagabndi e i fe de coo
ma per stasra i varden se la lena
l' mea sra per cup o crep

L' rvada la ncc negra cum un cupertn
sigaretta smurzda
trda l suta un lampin

 

 

 

Traduzione: LA NOTTE. Arrivano i fantasmi con i reumatismi, arrivano i vampiri senza i denti, arriva la notte con il mal di testa, che se ne va a dormire sdraiata sul lago Arrivano i barboni con la faccia straccia e cartoni per coprirsi il sedere, hanno tirato fuori tutti i loro ricordi e gli hanno bruciati per scaldarsi le mani Arrivano i taxisti con la faccia gialla e i carabinieri con la faccia blu, arrivano i soldati con la giacca verde, vanno tutti insieme a tampinare le ragazze E' arrivata la nottecon la sua bottiglia rotta, il suo ombrello a pezzi e l'ombra senza i vestiti. Arriva la mummia con la panciera e l'arcangelo con il raffreddore, arriva la strega sulla moto arriva anche il diavolo a pagar da bere Arrivano i play boy senza neanche una donna, arrivano anche le donne con solo un bicchiere hanno fatto amicizia su una Panda Sisley, dal finestrino volato fuori un goldone Arrivano anche i ladri e gli assassini,i vagabondi e i fuori di testa, ma per stasera guardano su la luna, non la sera per ammazzare o morire E' arrivata la nottenera come un copertone, sigaretta spenta, buttata la sotto un lampione

Torna allinizio

 

 

 

 

El Pret de Ratanaa

(Walter Di Gemma)

 

In la via Fratelli Zoia col s rt e la soa c
el viveva senza tnega on lunatic scior curaa
Coi dectt i benefizzi el donava a cent curios
che da lu con sacrifizzi se fiondaven fiducios.

 
Don Giuseppe Gervasini detto "Pret de Ratanaa"
coi sanguett e cent impiaster el guariva i s malaa.
Senza d l'Ave Maria ie ciappava stta brasc
con 'na longa terapia de centmilla parolasc!

 
"...Ohej ti donna imbellettada, el rossett che te ghee su
saria mej che tel mettset non sui laber ma sul cu!...
....Ciapa 'l manic de la vanga, minga quell del t Marcell
va a streppamm l'erbetta marscia e rivltom l'ortisell!"

 
On bell d gh' rivaa denter on omett paralizzaa,
el gh'ha dii : "Mi sgni semper de pod impar a nov!"
Senza ciaccer, n consili, su la Ripa l'ha portaa;
l'ha rusaa gi in del navili e...Miracol...l'ha imparaa!

 
Don Giuseppe Gervasini detto "Pret de Ratanaa"
cont i ris'c e cent disaster el guariva i s malaa
Senza d l'Ave Mara ie ciappava stta brasc
con 'na longa terapa de centmilla parolasc!!!

 
On vegett de via Marghera el gh'ha d:" Piet Signor,
gh'ho in del cll mattina e sera ona valanga de dolor...."
Guarda n i tosann per strada, quand s' vcc l' semper mll;
te concludet mai nagott e poeu te vgn el strtacll!

 
El prevst in de la stria el s pst l'ha conquistaa
per on fatt che in la memria de la gent l' anm restaa...
In quel d ormai leggendari sora'l tram di Frz Armaa
el s' accrt el bigliettari ch'el prevst l'ha n pagaa!

 
El gh'ha dii: Scior reverendo, me dispias, ch'el vaga gi!
Lu l'ha dii : Va beh, io scendo ma'l tranvai per mi el va n!
L' staa insc ch'el scior vicari l' 'ndaa gi senza fiad
ma 'l tranvai sora i binari tutt el d l' staa bloccaa !!!

 
In la via Fratelli Zoia gh' anm l'rt, anm la c.
On quaj vun l'ha dii : Che nia senza el Pret de Ratanaa!
In compens gh'hinn cartomanti che soddisfen tutt i voeuj;
de miracol ne fann tanti...ma fann mal al portafoeuj!!!

Torna allinizio

 

 

 

 

 

Fagioloni

(I Cantamilano)

 

Una sera un tenente in cucina con un sergente

si scambiavano i galloni per un piatto di fagioloni..

e hop e hop... fagioloni, fagioloni erano proprio

di quelli buoni come fu come non fu, fagioloni non ce n' pi.

 

Mitra... gliatrici gas asfissianti and d via i ciapp

mur tutti quanti ciappel de chi mettel de l

e anca el Giusepp el comincia a cant.

 

La mia morosa l'era l'era l'era, (dove l'era)

A l'era in sul pajon che la canteva la se sbasada

per catt un poeu d'erba la se impiatrada tutt'i man de merda,

ohe dimmi Loreto che cose te gh ma porca miseria

ma tires in la oh la Pepa che spuzza de merda

te ghe l'odor del baccal.. ma va a cant

 

La mia morosa l'era l'era l'era, (due l'era)

l'era semper in sul pajon che la canteva la se girada

per cat una brocca... la brcca la se rtta el c se stppa,

ohe dimmi Loreto che csa te ghe ma prca miseria

ma tires in la ho la Peppa che spuzza de merda

te ghe l'odor del baccal.. ma va a cant

 

La mia morosa l'e de Villasanta la g'ha una tetta nera e l'altra bianca

el so fradel che l' de Gorgonzoeula el g'ha una balla bianca e l'atra vioeula

ohe dimmi Loreto che cose te gh ma prca miseria

ma tires in la oh la Peppa che spuzza de merda

te ghe l'odor del baccal.. ma va a cant

 

oh Angiola pissa in la tlla pissa in del lett perepeppep sciu sciu

oh Angiola faccia de merda m'hai rovinato la canna del bamb

e sempre allegri non si pu stare ma nemmeno in malinconia,

ma va in malora morosa mia i tuoi pensieri sotto i piedi li metter

 

vogliamo le bambole vogliamo le bambole

vogliamo le bambole per fare lamor

vogliamo le bambole vogliamo le bambole

vogliamo le bambole per fare l'amor

sbattemes i ciapp cicip ciciap sbattemes i ciapp cicip ciciap

sbattemes i ciapp cicip ciciap e l'amore farem

sbattemes i ciapp cicip ciciap sbattemes i ciapp cicip ciciap

sbattemes i ciapp cicip ciciap e l'amore farem.....

Torna allinizio

 

Home page