I Testi delle Canzoni Popolari Milanesi

 

Le Bosinade

 

La bosinada componimento poetico in dialetto, inteso a commentare un fatto lieto, o triste, della vita quotidiana. Cronaca in versi, potremmo dirla; cronaca del Sei del Sette e dell'Ottocento milanesi; poich nel Sei nel Sette e nell'Ottocento ebbe sviluppo notevole, anzi glorioso, per mezzo dei poeti che le si dedicarono. Carattere precipuo della bosinada la flagrante umanit del suo contenuto, cui aggiunge pregio la immediatezza delle sue conclusioni. Vi si indicano luoghi, persone e circostanze di comune conoscenza con aggettivi e appellativi e sentenze che suscitano il pianto o il riso dell'uditorio e il commento. Essa l'espressione del buon senso popolare, che osserva i fatti del giorno e reagisce alle aberrazioni sociali, da qualunque parte provengano.

La sua natura squisitamente etnica, poich deriva dal popolo, e s'indirizza al popolo, del quale interpreta, o previene, i desideri pi riposti, e sottolinea i difetti, le manchevolezze con lo immancabile intento ammaestrativo.

Altra caratteristica della bosinada la sua pubblicit corale; perci il suo ambiente preferito era la piazza o il rione suburbano, donde pontificavano i loro autori, gl'incaricati dei loro autori, attirando e interessando il pubblico nei modi pi svariati.

 

*El Ridicol Matrimoni

*Commemorazion di Cinqu Giornad per la liberazion di nster contrad come pur de la Lombardia cont el dagh el rugh a la todescheria

*I Lament di tosann tutt disperaa

perch gh i gioven che van a soldaa

 

 

 

 

 

 

 

 

El Ridicol Matrimni

 

Ohj giovinotti fii ben attenzion

ve voeuri cant ona bella canzn

de du fradj prss a Milan

vun Battista e l'alter Giovann.

 

L'ha comincia el fradll pirltta

che 'l ghe parlava a ona paisantta

de statura puttst bassa

l'era larga quatter brazza.

 

L'era bella, l'era bnna

l'era savia 'sta fiolnna

del color del latt e vin

l'era el tesr del Giovannin.

 

Ma 'l s fradell sto cicoltt

l sghignazzava come on matt

a ved 'I fradell pirltta

che 'l ghe parlava a sta paisantta.

 

Te vedarmm ti ohj remolss

con chi l' te 'ndart a sposss

te vedarmm ti ohj remolss

con chi l' te 'ndart a sposss.

 

Allora I pien de pontili

el butta el capell in del Navili

el cor de sora in del cassetton

el tira foeura i pagn del feston.

 

El ciappa el tram che vgn a Milan

el va a l'albergo di Trii Tulipan

el va in d'on trani a mangi on boccon

el ved ona dnna l in d'on canton.

 

On poo con furia e on poo con flemma

l'invida a disn insemma

el gh' sta insmma ona giornada

e poeu a c se l' menada.

 

Ohj fradell a gh'hoo chi '1 tesr

l' granda e grssa e ‑la par on tr

ohj fradell a gh'hoo chi '1 tesr

l' granda e grssa e la par on tr.

 

Hann combina 'sti du tripe

in del stss d de toeu mie

e han invida precisament

tutta la porta e tucc i parent.

 

Poeu han mangia de la gran famm

votanta chili de salmm

quaranta gaijnn cinquanta capon

sett porscj e vtt monton.

 

Trii padj de ristt giald

quatter mastj de lasgn cald

ses cavagn fra uga e pr

e quatter navasc de caff ner.

 

Poeu han bevu sti du meschin

a squarciagola brent de vin

"Oh mamma mia sont bon p de boff

sptti l'ora de 'nd in Itt a cobi".

 

Ma anca I n el vedeva l'ora

de 'nd in ltt con la soa sciora

ma l'era grassa come on boeu

e de l'uss la passava n.

 

Fin che rusa e rusa ben

han riess a rusla dent

fin che rusa e rusa ben

han riess a rusla dent.

 

L'ha comincia sto gran donnn

a tr foeura la scuffia capell e spinn

tra foeura la scuffia a l'inviada

ohj la gh'aveva la crapa pelada.

 

L'ha comincia quit quit

a tirgh foeura tutt i fasstt

e I '1 vosava " vgn ch o fradll

vedlla in camisa la par on cammll.

 

La gh'ha i oeucc fosch fosch

la gh'ha '1 nas che tira i mosch

poeu la gh'ha '1 stmegh che '1 par on tecctt

che per impienill ghe voeur el bofftt.

 

La gh'ha i gamb ch'inn du giambon

sui dit ghe cress i erbion

per de p la gh'ha i pee piatt

la gh'ha la pell come quella d'on scitt.

 

Ohj mi credevi men a c on barcon

vedla in camisa l' nanca '1 timon

oh giovintti torne indre

se gh'ii voeuja de toeu mie.

 

Poeu damm a tr a mi fii 'na rba precisa

vardgh ben quand l' in camisa

poeu damm a tra a mi fii 'na rba precisa

vardgh ben quand l' in camisa.

 

Pan pss pan fresch

indovina che l' quest

Pan pss pan fresch

indovina che l' quest.

 

 

 

 

 

I Lament di tosann tutt disperaa

perch gh i gioven che van a soldaa

 

O pover tosann che secol sii rivaa

che vegnii tanto a bon mercaa

tutt a sold vann omen e pivej

vegn al prezzi di solfanej

e la mamma la se stuffa

ai tosann ghe vgn su la muffa

gh'avii di goeubb, di nan e di stropiaa

e i pusse bej vann tucc a soldaa

 

Musica...

 

La piang adss la Tira-cazztt

che l' andaa via el s merltt

el contingent l' andaa a l'armada

le la voreva trass gi in strada

ma a trass gi in strada la se fa mal

l' andada a beven on boccal

de la passion del s tulipan

l'ha mangia d chili e mezz de pan.

 

Musica...

 

La piang fort la Pissa-in-ltt

perch gh' anda via el s Richtt

pover tosann a cunt di sti guaj

vegnii al prezzi giust de l'aj

a cunt de la guerra la sciora Ruminga

la vgn al prezzi de se sa minga

donca tosann se pur avii intes

sii al prezzi che costa i scires.

 

Musica...

 

El cervelle per nmm Clement

l'han ciamaa s in contingent

e per morosa el gh'aveva ona madamin

che ghe dava el salamin

adss la piang sta povera madamm

la gh'ha dom el pan senza el salamm

e la spera la sciora Caruc

che quel di salamm el torna ancam.

 

Musica...

 

Pover tosnn a cunt de la guerra

sii tucc al prezzi di pomm de terra

e se, va innanz sta marmagna

vosen tucc tri sold la cavagna

e coi vcc senza discor

o tosann avii de fa l'amor

l'ultim prezzi a divel ciar ntt

o tosann l' quel d'on brichtt.