I Testi delle Canzoni Milanesi dAutore

 

 

 

Gli anni 60

 

Giorgio Gaber

 

 

*Ivan Della Mea - El m gatt

*Ivan Della Mea - Lera allegra tucc i d

*Ivan Della Mea - La canzon del desperaa

*Ivan Della Mea - La canzon del Navili

*Ivan Della Mea - Quand ghavevi sedes ann

*La ballada del pittor

*Ma mi

*Per quel vizi

*Giorgio Gaber - La ballata del Cerutti

 

 

 

 

 

 

Testi

 

 

 

El m gatt

(Ivan Della Mea)

 

A l'han trovaa distes in mezz a i rti

i oeucc a eren ross e un poo sverzaa

me piasaria sav chi l' quel stia

che al me gatt la panscia al g'ha sbusaa.

 

L'era insc bell, insc simpatich

negher e bianch, prpri on belee

se ciapi quel che l'ha coppaa

mi a pesciaa ghe s'ceppi 'l dedree.

 

I amis m'han dit L' stada la Ninetta

quella cont la gambetta sifolina

l'emm vista in mezz a i rti ier mattina

che la lumava'l gatt cont on cortell .

 

L' malmostosa, de brutta cera,

e l'ha g'ha on nas svizzer e grss

vedella in gir fa prpri pna

e tucc i fioeu che dann adss.

 

Incoeu a l'hoo spettada in via Savona

dpo mezzd, quand lee la torna a c

ghe sont rivaa adre a la barbna

e su la gamba giusta gi legnaa.

 

Hoo sentuu on crach de ssa rtt

l' 'ndada in terra come ori fagtt

lee la vosava oi mamma mia

me sont stremii, sont scapaa via.

 

Stasera voo a dorm al riformatri

in quel di Filangieri al numer duu

m'han daa del teddy‑boy, del brutt demni

mi sont convint istess d'avegh reson.

 

Se g'hoo de divv, o brava gent

de la Ninetta me frega nint

l' la giustizia che me fa trt

Ninetta viva, ma el gatt l' mrt.

 

l' la giustizia che me fa trt

Ninetta viva, ma el gatt l' mrt.

Torna allinizio

 

 

 

 

 

L'era allegra tucc i d

 

In Monforte, in corso Italia

sul canton d'una quaj gesa

l'era l la mano tesa

cont in brasc el so fiolin

 

L'era allegra tucc i d

e l'andava semper in gir

l'era allegra tucc i d

cont in brasc el so fiolin

 

Al mesd da on pachett

l'ha tra foeura do michett

trii polpett e un bel pomm

han mangia sottal Domm

 

L'era allegra tucc i d

e l'andava semper in gir

l'era allegra tucc i d

cont in brasc io so fiolin

 

Ai cinq or de la sera

lee la s' levada in pee

cont in brasc el so fiolin

l' 'ndada a bev un bel caff

 

L'era allegra tucc i d

e l'andava semper in gir

l'era allegra tucc i d

cont in brasc el so fiolin

 

La g'aveva ona stanzetta

proprio fuori la Bovisa

la g'aveva ona camisa

che ghe stava ancal fiolin

 

L'era allegra tucc i d

e l'andava semper in gir

l'era allegra tucc i d

cont in brasc el so fiolin

 

L' crepada l'alter d

proprio in piazza Tricolore

i dottori hanno detto

che l' morta senza dolore

 

L'era allegra tucc i d

e l'andava semper in gir

l'ora allegra tucc i d

'dess l' alegher el s fiolin

 

Traduzione: In Monforte, in corso Italia / sull'angolo di una qualche chiesa / era li la mano tesa / con in braccio il suo bambino // Era allegra tutti i giorni e andava sempre in giro / era allegra tutti i giorni con in braccio il suo bambino // A mezzogiorno da un pacchetto / tirava fuori due michette / tre polpette e una bella mela / hanno mangiato sotto il Duomo // Era allegra tutti i giorni ecc. Alle cinque della sera / lei si alzata in piedi con in braccio il suo bambino / andata a bere un bel caff // Era allegra tutti i giorni ecc. Lei aveva una stanzetta / proprio fuori la Bovisa lei aveva una camicia / che ci stava anche il bambino // Era allegra tutti i giorni ecc. // E crepata l'altro giorno / proprio in piazza Tricolore i dottori hanno detto / che morta senza dolore Era allegra tutti i giorni / e andava sempre in giro / era allegra tutti i girni / adesso allegro il suo bambino//

 

Torna allinizio

 

 

 

 

 

La canzon del Navili

 

Quand seri giovin lavoravi ch

sora al Navili, des or al d,

me son sposaa el viagg de nozz

m' toccaa fall sora sto foss

 

Gh' chi dis che l' bella quest'acqua marscia,

sto scarich publich de cess, de roera,

ma mi quand riva gi la sira

me senti el stomech bell e saraa

 

E adess che son vecc, pian de malann,

g'ho an'm de falla sta vita de can,

cont el barcon e pien de rabbia

a careg sabbia soral Tisin

 

Gh' chi dis che l' bella quest'aqua marscia,

sto scarich publich de cess, de roera,

ma mi quand riva gi la sira

me senti el stomech bell e saraa

 

Per la storia l' minga finida

soral Navili gh' n'altra vita,

dal bel Tisn a Porta Cines,

d sora d e mes su mes.

 

Gh' Giovann el me fioeu, la mia speranza

giam finida, giam brusada,

gh' chi dis che l' bella st'acqua marscia impestada,

gh' chi dis che l' bella, ma a mi me pias no

 

 

Traduzione: Quando ero giovane lavoravo qui / sopra il Naviglio, dieci ore al giorno, / mi sono sposato e il viaggio di nozze / ho dovuto farlo sopra questo fosso // C' chi dice che bella quest'acqua marcia, questo scarico pubblico di cessi, di spazzatura, ma io quando scende la sera / mi sento lo stomaco gi chiuso // E adesso che sono vecchio, pieno di malanni, / devo ancora fare questa vita da cane, / con il barcone e pieno di rabbia / a caricare sabbia sopra il Ticino // C' chi dice che bella ecc. // Per la storia non finita, / sopra il Naviglio c' un'altra vita, / dal bel Ticino a Porta Ticinese, / giorno su giorno e mese su mese // C' Giovanni, il mio figlio, la mia speranza, / gi finita, gi bruciata, / c' chi dice che bella quest'acqua marcia impestata, c' chi dice che bella, ma a me non piace.

 

Torna allinizio

 

 

 

 

Quand g'avevi sedes ann

 

Quand g'avevi sedes ann

io pensavo gi all'amore

e g'avevi anca la fissa

d'un bel giovin magari 'viatore

quand g'avevi sedes ann

ma adess gh'i hoo pu

g'hoo du foeu, el lavora

e tri stanz do netta

e la sera ne podi pu

 

Hoo tra su on quatter strasc

gi brumista ex aviere

ma quand mi a l'hoo sposa

de mestee el faceval tranviere

lu el diseva "dai Teresa

se sont minga on aviator

per vott or al d

g'hoo anca m la divisa

e sul tram sont el padron"

 

Mi s'ciupavi del magon

una robba tuta denter

poeu pensavi 'el g'haa reson"

ma l'atr'anno l'incidente ...

quand g'avevi sedes ann ...

lu l' mort, lu el gh' pu

g'hoo du fioeu el lavora

e tris stanz ce netta

e un vintmila de pension

 

mal me Toni l' mort

ch'el pareva un scior

col berrett ce controllor

 

 

Traduzione: Quando avevo sedici anni / io pensavo gi all'amore / e avevo anche l'idea fissa / di un bel giovane, magari aviatore / quando avevo sedici anni / ma adesso non li ho pi / ho due figli, i I lavoro e tre stanze da pulire / e la sera non ne posso pi // Mi seri messa con un poveraccio / gi brumista ex aviere / ma quando lho sposato di mestiere era tranviere / lui diceva "dai Teresa se non sono un aviatore / per otto ore al giorno ho anch'io la divisa / e sul tram sono I padrone" // lo scoppiavo dal magone / una cosa tutta dentro / poi pensavo: Ha ragione" ... / ma laltranno l'incidente ... / Quando avevo sedici anni / lui morto, lui non c' pi / ho due figli, il lavoro e tre stanze da pulire / e un ventimila di pensione / ma il mio Toni morto che pareva un signore coi berretto di controllore //

 

Torna allinizio

 

 

 

 

 

La ballada del pittor

(R.Brivio A.Albertarelli)

 

Coro:

Uoh uoh uoh ...

. . . . . . . . .

 

El stava semper sul canton

el ghe parlava mai a nissun

lu l pitturava mattina a sera

madnn sul marciapee

ie pitturava l in su la strada

per tir s on quaj dan.

 

Diseven tucc come se fa

a f madnn tutt spetasciaa

ma quand passaven ghe regalaven

semper un quaj cent franc

e poeu giraven oppur saltaven

prima de tir innanz.

 

Uoh uoh uoh ...

. . . . . . . . . .

 

On d che gh'era confusion

gh'era l mercaa fin sul canton

l' passaa on ghisa cont i scarponi

e'1 gh'ha schisciaa i madnn.

L l salta s ch'el par una bissa

e'1 ghha vosaa adree: pirlon .

 

Adess gh'han faa cambi canton

l' d'on canton de S. Vittor

in la soa cella l'ha faa 'na pittura

de la crocifission.

El s Ges l' vestii come on ghisa

on ghisa cont i scarpon,

 

Uoh uoh uoh...

Torna allinizio

 

 

 

 

 

Per quel vizi

(E.Medail L.Patruno)

 

questa l'odissea di Giovanni detto il Coppi

per quel vizi che a vottant'ann

el gha de corregh adree ai tosann

 

veloce pedalava il suo triciclo verde e rosso

s'el sonava el campanell

ghe pareva de vess bell.

 

Guidava il suo triciclo da Sesto alla Bovisa

trasporto di rottami di ferro latta e ghisa

ma un giorno che una bionda gli attravers la strada

mi pianti ch el triciclo me ne freghi e ghe voo adree

per quel vizi che a vottant'ann

el gha de corregh adree ai tosann.

 

ma quando torn indietro il suo triciclo era sparito

per quel vizi che a vottant'ann

el gha de corregh adree ai tosann.

 

essendo che i tricicli in de per lor van minga via

certament un quaj sbarbaa

l'ha sconduu o se l' grattaa.

 

Un giorno che giocava a bocce col Pierino

il rigolo tirava la boccia sul pallino

pass di l una bionda vestita di organzino

ghe pienti ona sbucciada me ne freghi e ghe voo a dr.

per quel vizi che a vottant'ann

el gha de corregh adree ai tosann

 

la boccia and a finire sulla faccia di Pierino

per quel vizi che a vottant'ann

el gha de corregh adree ai tosann

 

l' andada gnanca mal gh'an daa vtt punt in c al Pierino

l per grazia del Signor l' sta pcch a S. Vittor.

 

Un giorno al quarto piano puliva una ringhiera

doveva verniciarla per quella stessa sera

si vide passar sotto una bionda capinera

la gha ona quaj scurlera me ne freghi e ghe voo adree;

per quel vizi che a vottant'ann

el gha de corregh adree ai tosann

 

si sporse forse troppo e cadde secco nella via

per quel vizi che a vottant'ann

el gha de corregh adree ai tosann

 

la salma l'han composta in via Luigi Mangiagalli

l'han miss fina sul giornal

quanti dnn al funeral.

 

And su in Paradiso dov'era sempre festa

i Santi col sorriso scuotevano la testa

pass una nuvoletta con una donna bionda

faccino da merenda quasi quasi ghe voo adree

 

per quel vizi che a vottant'ann

el gha de corregh adree ai tosann

 

Ma mentre l'inseguiva all'improvvis l'ha sentii un rombo

Giovannin sta minga a corr l' la mamma del Signor

 

ma l'era troppo tardi per fermas ohei che scentrada!

l'ha sentii rivaa un sgiaffon

e l' borlaa in del calderon.

 

Laggi tra il fuoco eterno tra forche e tanta paglia

Giovanni rincorreva le bionde in calzamaglia

ma quando stava quasi per prenderle al suo laccio

veniva un diavolaccio el ghe diseva col forcon.

 

Giovannin a vottant'ann

se po n tocc i tosann.

 

Quel che parla l' Belzeb

te convegn toccaghi p.

Torna allinizio

 

 

 

 

Ma mi

(G.Strehler F.Carpi)

 

Serom in quatter col Padola,

el Rodolfo, el Gaina e poeu mi:

quatter amis, quatter malnatt,

vegnu su insemma compagn di gatt.

 

Emm fa la guerra in Albania,

poeu su in montagna a ciap ratt:

negher, Todesch de la Wermacht,

mi fan morire domaa a pensagh !

 

Poeu m'hann cataa in d'una imboscada:

pugnn e pesciad e 'na fusilada...

 

Ma mi, ma mi, ma mi,

quaranta di, quaranta ntt,

a San Vittor a ciapaa i btt,

dorm de can, pien de malann

 

Ma mi, ma mi, ma mi

quaranta d, quaranta ntt,

sbattuu de su, sbattuu de gi:

mi sont de quei che parlen n!

 

El Commissari 'na mattina

el me manda a ciam l per l:

Noi siamo qui, non sente alcun -

el me diseva 'sto brutt terron

 

El me diseva - i tui compari

nui li pigliasse senza di te...

ma se parlasse, ti firmo qua

il tuo condono: la libert !

 

Fesso sei tu se resti contento

d'essere solo, chiuso qua dentro ... .

 

Ma mi, ma mi, ma mi,

quaranta di, quaranta ntt,

a San Vittor a ciapaa i btt,

dormi de can, pien de malann

 

Ma mi, ma mi, ma mi

quaranta d, quaranta ntt,

sbattuu de su, sbattuu de gi:

mi sont de quei che parlen n

 

Sont saraa su in 'sta ratera

piena de nebbia, de frecc e de scur,

stta a 'sti mur passen i tramm,

frecass e vita del me Milan...

 

El coeur se streng, ven gi la sira,

me senti mai e stoo minga in pee,

cucciaa sul let in d'on canton

me par de vess propri nissun

l' pegg che in guera staa su la tera:

la libert la var 'na spiada

 

Ma mi, ma mi, ma mi,

quaranta di, quaranta ntt,

a San Vittor a ciapaa i btt,

dorm de can, pien de malann

 

Ma mi, ma mi, ma mi

quaranta di, quaranta ntt,

sbattuu de su, sbattuu de gi:

mi sont de quei che parlen n

 

(Gridato) Mi parli n!

Torna allinizio

 

 

 

 

La ballata del Cerutti

Giorgio Gaber

 

Io ho sentito molte ballate
quella di Tom Dooley
quella di Davy Crocket
e sarebbe piaciuto anche a me
scriverne una cos
invece invece niente
ho fatto una ballata
per uno che sta a Milano
al Giambellino
il Cerutti Cerutti Gino


Il suo nome era Cerutti Gino
ma lo chiamavan drago
gli amici al bar del Giambellino
dicevan che era un mago


Vent'anni biondo mai una lira
per non passare guai
fiutava intorno che aria tira
e non sgobbava mai


Il suo nome era Cerutti Gino
ma lo chiamavan drago
gli amici al bar del Giambellino
dicevan che era un mago


Una sera in una strada scura
occhio c'e' una lambretta
fingendo di non aver paura
il Cerutti monta in fretta


Ma che rogna nera quella sera
qualcuno vede e chiama
veloce arriva la pantera
e lo vede la madama


Il suo nome era Cerutti Gino
ma lo chiamavan drago
gli amici al bar del Giambellino
dicevan che era un mago


Ora triste e un poco manomesso
si trova al terzo raggio
e' l che attende il suo processo
forse vien fuori a Maggio


S'e' beccato un bel tre mesi il Gino
ma il giudice stato buono
gli ha fatto un lungo verborino
uscito col condono


Il suo nome era Cerutti Gino
ma lo chiamavan drago
gli amici al bar del Giambellino

e gli amici nel futuro
quando parleran del Gino
diran che un tipo duro
dicevan che era un mago
tornato al bar Cerutti Gino.

Torna allinizio