I Testi delle Canzoni Popolari Milanesi

 

Gli anni 30 e 40

 

 

*Pep a papoos

*Il tamburo della banda daffori

* tornato Barbapedana

* I sartinn de Milan

* I barboni de Milan

* Bitte Frulein

* S.T.R.A.M.I.LA.N.O.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Testi

 

 

 

Pep e papoos

(Rastelli-Solmavico)

 

El primm pontell, me ricordi l' sta bell:

dent in dei specc, che bel gioinott,

ma porco can, g'ho sii i scarp rott...

Me sont fa d i papoos del m pap,

poeu sont and tegnendo il fi.

 

Lee coi pep, lee coi pep, mi coi papoos ...

Lee la parlava e intanta mi s'eri tutt ros ...

Lee l'era bella e ghe guardaven i gag,

m me vedevi e me sentivi sprofond...

 

A on bel moment lee la me fa: "Com' hinn odios!

te guarden tucc, te seet perch: hinn invidios!"

L' sta insc che semm diventaa moros:

lee coi pep, lee coi pep, mi coi papoos!

 

Hoo risparmiaa: che pep me sont compraa!

Corri al pontell battendo i tacch,

cont la vernis che fa cric crac...

la riva lee cont d pee ch'hinn gross 'me lee:

cont d taccon tucc de buscion!

 

M coi pep, m coi pep, le coi papoos...

Lee la parlava e intanta mi vedevi roos:

strasc d'ona vlta che me metti a f ci gag,

la riva lee cont do barchett de and a pesc...

 

Senza d nient la casci su su un autobus,

ma in del vedenn a un vegetin ghe vegn la tos:

"Eh eh eh! Com'hinn buff sti d moros:

l coi pep, l coi pep, lee coi papoos!

 

Me son sposaa e m'han riciam a soldata.

Sont restaa stt quattrdes mes,

hoo faa a cazzot cont i frances...

El me fiolin l' nass che s'eri alpin...

Quand sont tornaa se semm guardaa:

 

L coi pep, l coi pep, m coi papoos;

s'eri tutt ros, de contentezza s'eri ros.

Passavom numm e se fermava tucc i tram,

me sorrideven men, dnn, vecc e tosann

 

diseven tucc: "Che bel fiolin, che bel alpin"

Forse perch m s'eri grand, l piscinin;

mi so n, ma passavom orgoglios:

l coi pep, l coi pep, mi coi papoos!!!

Torna allinizio

 

 

 

Il tamburo della banda dAffori

(N.Rastelli-M.Panzeri-N.Ravasini)

 

Riva la banda, riva la banda,

arriva la banda del nst paes,

del nst paes, dei nst paes.

Oh Caterina mettel sul t vestii de spos

Oh Caterina mettel sul t vestii de spos.

 

El capobanda, ghl capobanda,

ghl capobanda chel gha i barbis,

che bej barbis, che bej barbis .

Oh Caterina el capobanda ll t Luis

Oh Caterina el capobanda ll t Luis.

 

Vardee tosann che bej dagaj

Vardee tosann che bej sonaj

E col tambur inscim ai spall,

Vardal Luis sel par on gall.

 

L l, l l, s s, l prpi l:

ll tamburo principal della banda d'Affori,

ch'el comanda cinquecentocinquanta pifferi.

Oh tosann batt i man ch'el tambur l' sci.

Che risott! Gh' anca i cch che ghe fan qua qua.

 

A vedell gh' i tosanell che diventan timide,

lor confond el Rigolett con la Semiramide:

"Bella Figlia dell'amor..."

Schiavo son, schiavo son dei pezzi tuoi.

 

Passa la banda, passa la banda,

passa la banda e la va a Cant,

la va a Cant, la va a Cant.

Oh Caterina el t Luis el va avanti p

Oh Caterina el t Luis el va avanti p.

 

Forza Luigi, forza Luigi,

forza Luigi ch' scil tranvai,

ch' scil tranvai, ch' scil tranvai.

Oh Caterina ll gh'ha on p dent in di rotaj

Oli Caterina ll gh'ha on p dent in di rotaj.

 

Fermate il trarn, spostate il tram

vegnen gi tucc: oh che can can...

E l l' l compagn d'on scior,

ch'el ghe da dent coi s tambur ...

 

L' l l' l s s l' propi l:

l' il tamburo principal della banda d'Affori,

Ch'el comanda cinquecentocinquanta pifferi.

Oh tosann batt i man ch'el tambur l' sci.

Che ristt! Gh' anca i cch che ghe fan qua qua.

 

A vedell gh' i tosanell che diventan timide,

lor confond el Rigolett cont la Semiramide:

"Bella figlia dell'amor..."

Schiavo son, schivo son dei pezzi tuoi.

Torna allinizio

 

 

 

E' tornato Barbapedana

(E.Frati-E.Sciorilli)

 

Con la tuba e la chitarra,

il pastrann fatto a zimarra,

c' un ometto, un tipo strano

che passeggia per Milano.

 

Ed in pretto meneghino

improvvisa bosinate,

ma non trova un cittadino

che si fermi ad ascoltar.

 

Strimpella scherzando

e narra cantando

le storie del vecchio Verzee.

 

E' tornato Barbapedana,

ch'el gh'aveva quel tale gil,

longh davanti e curt dedree,

coi saccc longh e largh ona spanna.

 

E' tornato Barbapedana,

vegn tutte i tosan a vedell,

com'on d se'l portava il gil,

senza il davanti e cont minga il dedree

 

Chiede a tutti con cipiglio:

"Dove han messo il me' naviglio?

e il Barchett de Boffalora

anca l l' and in malora?

 

Questi cari busecconi,

con la scusa dei progresso,

s'in pacciaa anche i bastioni

per fa s 'ti cinem !

 

E va mogio mogio

laggi il Sant'Ambrogio,

sognando il suo vecchio Milan.

 

E' tornato Barbapedana,

ch'el gh'aveva quel tale gil,

longh davanti e curt dedree,

coi saccc longh e largh ona spanna.

 

E' tornato Barbapedana,

vegn tutte i tosan a vedell,

com'un d se'l portava il gil,

senza il davanti e cont minga il dedree.

 

E' tornato Barbapedana,

ch'el gh'aveva quei tale gil,

longh davanti e curt dedree,

coi saccc longh e largh ona spanna.

 

Mai nessun forse l'ha visto

e nessuno sa dirci com',

ma san tutti che aveva il gil:

senza il davanti e cont minga il dedree.

Torna allinizio

 

 

 

I Sartinn de Milan

(R.Paravicini)

 

I sartinn de Milan

hinn tutt grazia e bont,

prpi bn com'el pan

cont on coeur tanto faa.

 

A vedei la mattina,

quand van al mestee,

col gimacch, che gingina,

che ghe spasima adree.

 

E poeu quand venien via,

sotta brasc al moros,

marcien pien de 'legria,

col faccin tutt mostos.

 

E poeu a ca' con la mamma

conten ball senza fin,

se per cas la ghe ciama,

"Chi l' mai 'sto gingin?"

 

Pover cecch fan l'amor,

perch hinn trpp de bon coeur

e on moros l' per lor

prpi quell che ghe voeur.

 

Lavorand tutt el d

come tant disperaa,

l' on gran gust poeu de d:

"Ghemm el coeur sollevaa".

 

I sartinn de Milan

hinn tutt grazia e bont,

prpi bon com'el pan

cont on coeur tanto faa.

 

Di di din din din din,

di di din din din din,

di di din din din din,

di di din din din din.

 

Di di din din din din,

di di din din din din,

di di din din din din,

di di din din din din.

 

Lavorand tutt el d

come tant disperaa,

l' on gran gust poeu de d:

"Ghemm el coeur sollevaa".

 

I sartinn de Milan

hinn tutt grazia e bont,

prpi bon com'el pan

cont on coeur tanto faa.

Torna allinizio

 

 

 

 

Bitte Frulein

(Mauro - Sciorilli)

 

Nel mezzo del cammin di vita mia

dovendo per Berlin un d partir

pensai di comperarmi in libreria

un libricin che mi potea servir

parlava non di fiori n d'amore

ma solo di tedesco e d'italian

e mi serv nel giorno che il mio cuore

parl ad una frulein invan.

 

Bitte Frulein per on moment

wollen sie famm on poo content

es kann sein che poeu te pias

de vegn con m a spass

parlaremm cos damor

mentre passa i or.

 

Bitte Frulein per on basin

kommen sie on poo pussee visin

warum sie, allein sie

dass mein Herz te see t

bitte Frulein ein Kuss per m.

 

Non domandate a ma che cosa sia

cercare nel trambusto e nel via vai

magari fermi l in mezzo a una via

a rischio di finir sotto un tranvay

che vale tutto questo gran daffare

che importa consultare il libricin

lei ditalian pronuncia solo amare

ma basta per restar vicin.

 

Bitte Frulein per on moment

wollen sie famm on poo content

es kann sein che poeu te pias

de vegn con m a spass

parlaremm cos damor

mentre passa i or.

 

Bitte Frulein per on basin

kommen sie on poo pussee visin

warum sie, allein sie

dass mein Herz te see t

bitte Frulein ein Kuss per m.

Torna allinizio

 

 

 

S.T.R.A.M.I.L.A.N.O.

(Ramo-Mascheroni)

 

Ogni giorno Milan esce fuori di man

Crescendo va diventa sta citt

Slarga fuori di qua sbatti fuori di l

Ti tiran su ti sfondan gi Milan

 

Stramilano

S.T.R.A.M.I.L.A.N.O.

Piano piano

Montemerlo confondi col Pincio e il navigli col Po

Vai lontano

A Parigi sullautostrada a Berlino in metro

Stramilano

S.T.R.A.M.I.L.A.N.O.

 

Ogni vicolo fu strade non ce n pi

Con lo sfondar son tutti boulevard

Terra di meneghin peggio dun zebellin

Ti smollan qua ti sgonfian l Milan

 

Stramilano

S.T.R.A.M.I.L.A.N.O.

Piano piano

Montemerlo confondi col Pincio e il navigli col Po

Vai lontano

A Parigi sullautostrada a Berlino in metro

Stramilano

S.T.R.A.M.I.L.A.N.O.

Torna allinizio