I Testi delle Canzoni Popolari Milanesi

 

 

LOsteria

forse il toponimo per eccellenza della canzone milanese. Non si tratta dellosteria come soggetto, bens del luogo dispirazione e despressione di una parte tra le pi caratteristiche del popolo milanese. Essa rappresenta, infatti, un modo dessere e di stare in compagnia.

Raccogliamo di seguito molte canzoni dallorigine pi svariata, sia per il contesto temporale e ambientale, sia per i temi trattati. Molte di queste altro non sono che motivetti privi di un vero e proprio significato, cantate tanto per cantare, dallorigine ambigua, o arcaica. Altre sono volutamente farcite di doppi sensi pi o meno espliciti, e altre ancora possono essere dorigine pi ricercata o colta, scritte apposta per essa, oppure successivamente acquisite dal popolo dellosteria.

Interessante la dinamica dei cosiddetti Minestroni, o Risotti dosteria: generalmente sono canzoni molto lunghe e varie, sia nel testo che nel ritmo, prive di una struttura e di un collegamento tra le loro diverse parti, talvolta cominciate e terminate a casaccio, unite in una sorta di impasto tra diversi temi e motivi, anche celebri, come nel caso dellAida nel Risotto.

 

*El Barbapedana

*De tant pinscinin che lera

*E mi la dnna bionda

*I giovintti al sabet de sira

*Cssa lha mangiaa la sposa

*Cameree porta n mezz liter

*Pepp va pian

*Il frate cappuccino

*Dim e didom e didom e didera

*E prima dandar via

*Il cacciatore del bosco

*Luva fogarina

*La Balilla

*Ch chinsc l semper festa

*De Goeubb a ghe n tanti

*Trappolin

*Risotto dosteria

*El Minestron

*La Rostisciada

*El sindich de prectt

*Se ghhann de d

*El portafoeuj

*La mensa collettiva

*El gir del mond

*Fala taj

*La cervellera

*Mi lu e lee

*Idillio ferroviari

*Tosann de San Cristofer

*I proverbi

*Lera mai success

 

 

Home Page

 

 

 

 

Testi

 

 

 

 

 

El Barbapedana

 

Barbapedana el ghaveva on gil

Senza el denanz e cont via el dedree,

Cont i saccc longh ona spanna,

lera el gil del Barbapedana

 

Barbapedanna el ghaveva on scioppett

Per spar contr i solda de Maomett

E sto sciopett longh ona spanna

Lera el scioppett del Barbapedanna.

 

E da Bersaglier che lera

El sparava voletela

El sparava l scioppettin

Contra i trupp di Beduin.

 

 

 

 

 

 

Traduzione:

Il Barbapedana

 

Barbapedana aveva un gilet

Senza il davanti e il tolto il retro

Con le tasche lunghe una spanna

Era il gilet del Barbapedana

 

Barbapedana aveva uno schioppetto

Per sparare contro ai soldati di Maometto

E questo schioppetto lungo una spanna

Ero lo schioppetto del Barbapedana

 

Ed essendo bersagliere

Sparava volentieri

Sparava con lo schioppettino

Contro le truppe dei Beduini.

 

Torna allinizio

 

 

 

 

E mi la dnna bionda

 

E mi la dnna bionda la voeuri n

e mi la dnna bionda la voeuri n

tucc i omen ghe fann la ronda

e mi la dnna bionda e mi la donna bionda

tucc i omen ghe f ann la ronda

e mi la dnna bionda la voeuri n.

 

E mi la dnna nera la voeuri n

e mi la dnna nera la voeuri n

dnna nera non sincera

e mi la dnna nera e mi la dnna nera

dnna nera non sincera

e mi la dnna nera la voeuri n.

 

E mi la dnna piccola la voeuri n

e mi la dnna piccola la voeuri n

la cammina la par 'na chicchera

e mi la dnna piccola e mi la dnna piccola

la cammina la par 'na chicchera

e mi la dnna piccola la voeuri n.

 

E m' la dnna granda la voeuri n

e mi la dnna granda la voeuri n

la cammina la par 'na stanga

e mi la dnna granda e mi la dnna granda

la cammina la par 'na stanga

e mi la dnna granda la voeuri n.

 

E mi la dnna riccia la voeuri n

e mi la dnna riccia la voeuri n

sotto ai ricci la gh'ha i capricci

e mi la dnna riccia e mi la dnna riccia

sotto ai ricci la gh'ha i capricci

e mi la dnna riccia la voeuri n.

 

E mi la dnna smrta la voeuri s

e mi la dnna smrta la voeuri s

dnna smrta dnna frta

e mi la dnna smrta e mi la dnna smrta

dnna smrta dnna frta

e mi la dnna smrta la voeuri s.

 

Traduzione:

Ed io la donna bionda

 

Ed io la donna bionda non la voglio

Ed io la donna bionda non la voglio

Tutti gli uomini ci girano attorno

Ed io la donna bionda ed io la donna bionda

Tutti gli uomini ci girano attorno

Ed io la donna bionda non la voglio

 

Ed io la donna nera non la voglio

Ed io la donna nera non la voglio

La donna nera non sincera

Ed io la donna nera ed io la donna nera

La donna nera non sincera

Ed io la donna nera non la voglio

 

Ed io la donna piccola non la voglio

Ed io la donna piccola non la voglio

Quando cammina sembra una tazzina

Ed io la donna piccola ed io la donna piccola

Quando cammina sembra una tazzina

Ed io la donna piccola non la voglio

 

Ed io la donna grande non la voglio

Ed io la donna grande non la voglio

Quando cammina sembra una pertica

Ed io la donna grande ed io la donna grande

Quando cammina sembra una pertica

Ed io la donna grande non la voglio

 

Ed io la donna riccia non la voglio

Ed io la donna riccia non la voglio

Sotto ai ricci la ci ha i capricci

Ed io la donna riccia ed io la donna riccia

Sotto ai ricci la ci ha i capricci

Ed io la donna riccia non la voglio

 

Ed io la donna pallida s che la voglio

Ed io la donna pallida s che la voglio

La donna pallida la donna forte

Ed io la donna pallida ed io la donna pallida

La donna pallida la donna forte

Ed io la donna pallida s che la voglio

 

Commento: Canzone tra le pi note e cantate del repertorio milanese dosteria, di cui rispecchia appieno la natura. Come consuetudine ne esistono diverse varianti, pi o meno piccanti e variamente censurate. Nella versione verosimilmente pi vicina alloriginale, considerato il contesto in cui sorta, nella prima strofa sono i pret, cio in preti, a fare la ronda intorno alla donna bionda, mentre nellultima la donna smorta meglio perch ha la figa forta. Chi ha orecchi per intendere

Torna allinizio

 

 

I giovintti al sabet de sira

 

I giovintti al sabet de sira

vann a morosa vann minga a dorm

oh s vann l in la Teresina

ohi Teresina vgn gi a derv

 

di o Teresina vgn gi a derv

di o Teresina vgn gi a derv

 

La vgn dabasso da quello scalone

la par 'na dama che vgn de Turin

la Teresina la v in cantina

mlla la spina la cava il buon vin

 

s la mlla la spina la cava il buon vin

s la mlla la spina la cava il buon vin

 

E i giovintti ghe corren incontra

con la basilia di quatter biccr

di disbisciamo la prima bottiglia

l' vetriolo quest ch el voeuri n

 

ohj l' vetriolo quest ch el voeuri n

ohj l' vetriolo quest ch el voeuri n

 

Ghe taccheremo un sasso al collo

la meneremo alla riva del mar

ohim ohim oh che dolore

gh'hoo de mor per trii tradior

 

oh gh'hoo de mor per trii traditor

oh ghhoo de mor per trii traditor.

Torna allinizio

 

 

 

Cssa l'ha mangia la sposa la prima sira?

 

Cssa l'ha mangia la sposa la prima sira?

meso povins

Cssa l'ha mangia la sposa la seconda sira?

due tortor e meso pvions

Cssa l'ha mangia la sposa la terza sira?

tre colombe la violta

due tortor e meso pvionsi

Cssa l'ha mangia la sposa la quarta sira?

quatro agnoli tre colombe la violta

due tortor e meso pvions

 

Cssa l'ha mangia la sposa la quinta sira?

cinque foglie la rosa in mano

quatro agnoli tre colombe la violta

due tortor e meso pvions

 

Cssa l'ha mangia la sposa la sesta sira?

sei bei pesci a sanguan

cinque foglie la rosa in mano

quatro agnoli tre colombe la violta

due tortor e meso pvions

 

Cssa l'ha mangia la sposa la settima sira?

sette anguille preparate

sei bei pesci a sanguan

cinque foglie la rosa in mano

quatro agnoli tre colombe la violta

due tortor e meso pvions

 

Cssa l'ha mangia la sposa l'otava sira?

otto galli cantatori sette anguille preparate

sei bei pesci a sanguan

cinque foglie la rosa in mano

quatro agnoli tre colombe la violta

due tortor e meso pvions

 

Cssa l'ha mangia la sposa la nonia sira?

nove vacche ammazzatori

otto galli cantatori sette anguille preparate

sei bei pesci a sanguan

cinque foglie la rosa in mano

quatro agnoli tre colombe la violta

due tortor e meso pvions

 

Cssa l'ha mangia la sposa la decima sira?

dieci scatole de confecc per tirala in mes al lc

nove vacche ammazzatori

otto galli cantatori sette anguille preparate

sei bei pesci a sanguan

cinque foglie la rosa in mano

quatro agnoli tre colombe la violta

due tortor e meso povions

Torna allinizio

 

 

 

 

Cameree portan mezz liter

 

Camere porta 'n mezz liter

camere porta 'n mezz liter

camere porta 'n mezz liter,

pagher, pagher, pagher.

 

Gira la baracca, gira, gira,

foeura mezza lira, fuori mezza lira,

gira la baracca, gira, gira,

foeura mezza lira per pagar.

 

Come far patapin, patapon,

se non ce n'ho, patapin, patapon,

Al mio ritorno, al mio ritorno...

Come far patapin, patapon

se non ce n'ho, patapin, patapon

Al mio ritorno ti pagher, pagher.

 

Se l' on liter mej amm

se l' on liter mej amm

se l' on liter mej amm

pagher, pagher, pagher.

 

Gira la braracca...

Torna allinizio

 

 

 

 

Pepp va pian

 

M l'altra sira de c sont sort

cont i saccc ch'eren prpi sfin

gh'evi voeuja de bev a gran volont

ma a m a crtta nissun me ne d.

 

Troeuvi on amis ghe disi : ohj t

famm on piase, oh s fammel a m

prstem cent franch te'l doo doman

ma I'l me dis "ohj Ppp va pian".

 

Voo a l'osteria per bven on mezz

bven on mezz o magari on quartin

ghe disi a l'st dmm de quel bon

sto lavativ el se tira in d'on cantn.

 

Se te voeuret bev foeura i dane

o se de no tres via di pe

Dmen on mezz te'l paghi doman

ma l'l me dis: ohj Ppp va pian.

 

Cont ona faccia tutta rabbiada

per and via m infili la scala

e voo de sora compagn d'on lcch

la mia mie la me dis che sont cicch.

 

Ah m sont ciocch, brutta veggiazza

m te doo on pugn che te s'cppi la faccia

e foo per dghel, alzi la man

le la me dis: ohj Ppp va pian.

 

Cos pian pian, cos bell bell

mi voo in cusinna e me tacchi al sidll

la mia mie, sta brutta barbonna

bev chela l - la me dis - che l' bonna.

 

Se gh'emm de f, se gh'emm de d

l' mj bev l'acqua puttst che mor

se gh'emm de d, se gh'emm de f

l' mj bev l'acqua puttst che crep.

 

Ma poeu voo in lett 'me on tulipan

la mia mie ohej la slonga on poo i man

la me tampina, ma mi foo el nostran

hoo bevuu l'acqua, adess ten gi i man !

Torna allinizio

 

 

 

 

Il Frate Cappuccino

 

La notte di carnevale ho fatto una morosa

la notte di carnevale ho fatto una morosa

e adss soo p se f se andala a ritrov

vest de cappuccino me convgn and,

 

e adss soo pu se f se andala a ritrov

vest de cappuccino me convgn and.

 

Vest de cappuccino bussai alla sua porta

vest de cappuccino bussai alla sua porta

picche picche picche, picche fin che vorii

m gh'hoo la donna bella che la vecur mor,

 

picche picche pcche, picche fin che vorii

mi gh'hoo la donna bella che la voeur mor.

 

E prima di morire bisogna confessarla

e prima di morire bisogna confessarla

e v che sii quel fra, quel frate confessor

salite sulle scale a confess il mio amor,

 

e v che sii quel fra, quel frate confessor

salite sulle scale a confess il mio amor.

 

Per confess il tuo amore ci vuol le porte chiuse

per confess il tuo amore ci vuol le porte chiuse

le porte sont serra, le finestre spalanca

ohi bionda bella bionda cunta s i pecca,

 

le porte sont serra, le finestre spalanca

ohi bionda bella bionda cunta s i pecca.

 

Peccati dell'amore di amanti ce n'ho tanti

peccati dell'amore di amanti ce n'ho tanti

di amanti io ne ho tre pi centoventitre

ma quello che mi piace sta davanti a me,

 

di amanti io ne ho tre pi centoventitre

ma quello che mi piace sta davanti a me.

 

Il frate cappuccino sent queste parole

el tira s la gubbia e sotto a le lenzuole

e stt a le lenzuole la testa in sul cossin

se ti te gh'he la rosa m gh'hoo'l gelsomin

 

e stt a le lenzuole la testa in sul divan

se ti te gh'he la vioeula m gh'hoo'l tulipan.

 

E sto porcon d'on fra

col s cordon ch'el gh'ha

el m'ha impien la tosa

che gh'hoo de spos!

Torna allinizio

 

 

 

 

Dim e didom e didom e didera

 

Dim e didom e didom e didera

dim e didom e didom e didera

dim e didom e didom e didera

dim e didom e didom e did

 

biri biri biri biri biri biri biri baj.

 

Sono il campanaro e da mattina a sera

tiro le campane e faccio din don.

Io sono il chierico rispondo alla preghiera

sempre son pronto al kyrieleison.

Vedete in me il parroco del villaggio

chi ti confesso? non faccio eccezion

Entrano le vergini raddoppio di coraggio

batto e ribatto sull'argomentazion.

 

Entrano le vergini raddoppio di coraggio

batto e ribatto sull'argomentazion.

 

Dim e didom e didom e didera

dim e didom e didom e didera

dim e didom e didom e didera

dim e didom e didom e did

 

biri biri biri biri biri biri biri baj

 

Guardo dall'alto del campanile mio

mi par d'udire un forte russar.

Ohj taci compagno sar forse Dio

che s' dimenticato di farsi svegliar.

Ma che dite mai o peccator di Dio

non conoscete voi l'onnipotenza che ha.

Non mangia mai non beve che so io

come vive lui nessuno lo sa.

 

Non mangia mai non beve che so io

come vive lui nessuno lo sa.

 

Dim e didom e didom e didera

dim e didom e didom e didera

dim e didom e didom e didera

dim e didom e didom e did

 

biri biri biri biri biri biri biri baj

 

Guardo dall'alto cerco dove sia

quel paradiso desiderato assai.

Tra i cristi rotti ma della sacrestia

invan io cerco, macch non trovo mai.

Il paradiso per me l' in su la terra

e una volta morto pi non gioir.

Lasci che i fanatici si facciano la guerra

viva il buon vino e Dio che lo cre.

 

Lascia che i fanatici si facciano la guerra

viva il buon vino e Dio che lo cre.

 

Dim e didom e didom e didera

dim e didom e didom e didera

dim e didom e didom e didera

dim e didom e didom e did

 

biri biri biri biri biri biri biri baj

 

Quando m'immergo su quel punto nero

invan io cerco la sua realt.

Oh sai tu dirmi qual mai quel mistero

che di tre persone forma quest'unit.

Questo per noi un enigma totale

tutti lo studiano e non lo san capire.

Per conto mio non me la passo male

lascio a voialtri l'onore di scoprir.

 

Per conto mio mi prudono le palle

lascio a voialtri l'onore di grattar.

 

Dim e didom e didom e didera

dim e didom e didom e didera

dim e didom e didom e didera

dim e didom e didom e did

 

biri bri biri biri biri biri biri baj

Torna allinizio

 

 

 

 

E prima dandar via

 

E prima d'andar via regalami qualche cosa

Cosa?

Si tolse le scarpe e me le regal

E la sua mamma tutta contenta

in del vedla scarpettada era

su e g per la ringhiera ohi bella ti sposer!

 

E prima d'andar via regalami qualche cosa

Cosa?

Si tolse le calze e me le regal

E la sua mamma tutta contenta

in del vedla scarpettada scalzettada era

su e g per la ringhiera ohi bella ti sposer!

 

E prima d'andar via regalami qualche cosa

Cosa?

Si tolse il reggipetto e me lo regal

E la sua mamma tutta contenta

in del vedla scarpettada scalzettada sreggipettada era

su e g per la ringhiera ohi bella ti sposer!

 

E prima d'andar via regalami qualche cosa

Cosa?

Si tolse le mutande e me le regal

E la sua mamma tutta contenta

in del vedla scarpettada scalzettada sreggipettada smutandada era

su e g per la ringhiera ohi bella ti sposer!

Torna allinizio

 

 

 

Il Cacciatore del bosco

 

Il cacciatore nel bosco

trova una contadinella

tanto graziosa e bella, graziosa e bella

che il cacciatore s'innamor

tanto graziosa e bella, graziosa e bella

che il cacciatore s'innamor.

 

La prese per una mano

poi la condusse a sedere

tra i gusti ed i piaceri e dai voleri

la novellina si addorment

tra i gusti ed i piaceri e dai voleri

la novellina si addorment.

 

La novellina si sveglia

il cacciatore non c'era:

Ahim m'hai rotto il velo, m'hai rotto il velo

cuore crudele tu m'hai trad

Ahim m'hai rotto il velo, m'hai rotto il velo

cuore crudele tu m'hai trad.

 

No, no non t'ho tradita

non sono un traditore

io son quel cacciatore, quel cacciatore

son la delizia del tuo bel cuor

io son quel cacciatore, quel cacciatore

son la delizia del tuo bel cuor.

 

E se la mamma non vuole

noi la faremo volere

andrem tanto lontano, tanto lontano

poi alla fine ci sposerem

andrem tanto lontano, tanto

lontano poi alla fine ci sposerem.

Torna allinizio

 

 

 

Luva fogarina

 

Diridin din din, diridin din dn

diridin din din, diridin din din

diridin din din, diridin din din

diridin din din, diridin din din

 

Oh com' bella l'uva fogarina

oh com' bello saperla vendemmiar

far l'amor con la mia ohi bella

far l'amore in mezzo al pr.

 

Oh com' bella l'uva fogarina

oh com' bello saperla vendemmiar

far l'amor con la mia ohi bella

far l'amore in mezzo al pr.

 

Diridin din din, diridin din din

diridin dn din, diridin din din

diridin din din, diridin din din

diridin din din, diridin din din

 

Oh com' bella l'uva fogarina

oh com' bello saperla vendemmiar

far l'amor con la mia ohi bella

far l'amore in mezzo al pr.

 

Filar no la vol filar

cusir non lo sa far

il sol de la campagna

il sol de la campagna

 

Filar no la vol filar

cusir non lo sa far

il sol de la campagna

la dis che'l ghe fa mal.

 

Teresina imbriacona

poca voeuja de lavor

la s' tolta ona vestaja

la gh'ha ancora da pag.

 

Filar no la vol filar

cusir non lo sa far

il sol de la campagna

il sol de la campagna

 

Filar no la vol filar

cusir non lo sa far

il sol de la campagna

la dis che'l ghe fa mal.

 

Oh com' bella l'uva fogarina

oh com' bello saperla vendemmiar

a far l'amor con la mia ohi bella

a far l'amore in mezzo al pr.

 

Diridin din din, diridin din din

diridin din din, diridin din din

diridin dn din, diridin din din

diridin din din, diridin din din.

Torna allinizio

 

 

 

 

La Balilla

 

Vor sav el meste che foo m

cominci ai des or finissi a mezzd

giri la Baia col motofurgon

vendi lisciva soda e savon

 

M voo in gir de ch e de l

m voo in gir a lavor

hoo faa ona pigna de cart de milla

se m' vegnuu in ment de compraa ona balilla

 

L' stada la rabbia di m fradej

che hann cominciaa a sgagnamm i budej

la mia cusina che sta in via Larga

la m'ha mangiaa anca la targa

 

La mia zia de Gorgonzoeula

cont i gmm l'ha faa la cazzoeula

el m nnno ch'el gh'ha l'angina

l'ha cappa la cicca con la benzina

 

El Carletto stupidtt

el s' faa on vestii cont la captt

i m nevod pussee piscinitt

salta in vettura a mangiamm anca i vit

 

La Maria che sta in la mia prta

la m'ha mangiaa la roeuda de scrta

el todesch dislifen e slofen

el m'ha mangiaa in d'on boccon tutt el cofen

 

El maresciall di carabinier

cont in bocca i quatter porter

i e sgagnava senza rispett

insemma ai porter l'ha mangiaa anca i manett

 

A gh' vun che vegn de Bagg

el ciappa i roeud el me mangia i ragg

in d'on canton gh'l Salvador

cont in bocca el radiator

 

Passa on fioeu senza dentin

el me disvida i lampadin

el m fradell quel malaa de diabete

el fa finta de nient el me mangia el magnete

 

El m portinar ch'el porta i occiaj

salta su a mangiamm i fanaj

voo in questura a denunci i dagn

quand torni indree gh' p nanca i pedagn

 

A voo per caso a trov mia sorella

ghe troeuvi in c on piston e 'na biella

quand torni indree gh' restaa solament

el fumm del tubo de scappament.

Torna allinizio

 

 

 

 

Ch ch'insc l' semper festa

 

Ch ch'insc l' semper festa - leri,

col ciondol leri

col ciondol leri.

Ch ch'insc l' semper festa - leri,

col ciondol leri

su la riva del mar!

 

Evviva la barca

evviva il marinar.

Evviva la barca

evviva il marinar.

 

Ch ch'insc l' ona cuccagna - leri,

col ciondol leri, etc,

 

Evviva la barca

evviva il marinar.

Evviva la barca

evviva il marinar.

 

Lavor fa mal la s'cenna - leri,

col ciondol leri, etc.

 

Evviva la barca

evviva il marinar.

Evviva la barca

evviva il marinar.

 

 

Traduzione:

Qui da noi sempre festa: - lerai, si mangia, - lerai, si beve - lerai. Qui da noi sempre festa: - lerai, si mangia - lerai sulla riva del mar! Evviva la barca, evviva il marinar. Evviva la barca, evviva il marinar. Qui da noi una cuccagna: - lera, si mangia, - lerai, si beve, - lerai. Lavorar faticoso: - lerai, si suda, - lerai, si sbuffa - lerai.

 

Torna allinizio

 

 

 

De goeubb a ghe n' tanti

 

L' vera che sont goeubb

ma sont de rispett

de goeubb a ghe n' tanti

de goeubb a ghe n' tanti

l' vera che sont goeubb

ma sont de rispett

de goeubb a ghe n' tanti

de tanti qualit.

 

Ohi li ohi li - ohi li ohi l

de goeubb a ghe n' tanti

de goeubb a ghe n' tanti

ohi li, ohi li - ohi l ohi l

de goeubb a ghe n' tanti

e de tanti qualit.

 

M pader l'era goeubb

m mader anca lee

gh'aveva ona sorella

e goeubba anca quella

gh'aveva on fradell

e goeubb anca quell

e adess che hoo tlt miee

anca lee col goeubb dedree.

 

Ohi li ohi li - ohi li ohi l

de goeubb a ghe n' tanti

de goeubb a ghe n' tanti

ohi li, ohi li - ohi l ohi l

de goeubb a ghe n' tanti

e de tanti qualit.

 

Semm andaa a l'osteria

gh'era goeubba la mia zia

gh'era l i sonador

goeubb anca lor

la gh'ha avuu du gemej

goeubb anca quej

el padrin che i ha tegnuu

lu de goeubb ghe n'aveva duu.

 

Ohi li ohi li - ohi li ohi l

de goeubb a ghe n' tanti

de goeubb a ghe n' tanti

ohi li, ohi li - ohi l ohi l

de goeubb a ghe n' tanti

e de tanti qualit.

Torna allinizio

 

 

 

 

El sindich de Prectt

 

El sindich de Prectt a porta Magenta

l'han mena via perch n'ha bevuu 'na brenta

 

ohj l' bell e l' bon e l' san

l' san come on corall

viva la macchina viva la macchina

ohj l' bell e l' bon e l' san

l' san come on corall

viva la macchina che taja gi el salamm.

 

El sindich de Prectt a porta Vigentina

l'han mena via perch l'ha robaa 'na gajna

 

ohj l' bell e l' bon e l' san

l' san come on corall

viva la macchina viva la macchina

ohj l' bell e l' bon e l' san

l' san come on corall

viva la macchina che taja gi el salamm.

 

El sindich de Prectt in cors Vercelli

l'han mena via perch l'ha robaa i piselli

 

ohj l' bell e l' bon e l' san

l' san come on corall

viva la macchina viva la macchina

ohj l' bell e l' bon e l' san

l' san come on corall

viva la macchina del giazz artificial.

Torna allinizio

 

 

Se ghhan de d

 

Se gh'han de d allora i barbe

che a fa la barba a l''l s meste

a la mattina, quand lven s

cippen el pennl e se I rsen in del...

 

poli poli poli p fa il pollino

qua qua qua qua fa l'ochetta

chicchirich fa il galletto

e di noi che cosa sar.

 

Se gh'han de di i tosantt

che a fa la fibbia l' tutt i s marchtt

a la mattina, quand lven s

stringen la fibbia e slarghen el...

 

poli poli poli p fa il pollino

qua qua qua qua fa l'ochetta

chicchirich fa il galletto

e di noi che cosa sar.

 

Se gh'hann de d i prestine

che a f i michett a l''l s meste

a la mattina, quand lven s

ciappen i bastn e se i mtten in del...

 

poli poli poli p fa il pollino

qua qua qua qua fa l'ochetta

chicchirich fa il galletto

e di noi che cosa sar.

 

Se gh'hn de d i verdure

che a lav i tomtes a l''l s meste

a la mattina, quand lven s

cippen on'inguria e se la rsen in del...

 

poli poli poli p fa il pollino

qua qua qua qua fa l'ochetta

chicchirich fa il galletto

e di noi che cosa sar.

 

Se gh'han de d i American

che gh'han i razzi che van lontan

a la mattina, quand lven s

cippen on saturno e se l' mtten in del...

 

poli poli poli p fa il pollino

qua qua qua qua fa l'ochetta

chicchirich fa il galletto

e di noi che cosa sar.

Torna allinizio

 

 

 

 

El portafoeuj

 

0hei mi l'alter d sont anda in via Larga

per ritir di ritratt ch'hoo faa f

A voo denter, el padron el me guarda

tiri foeura i danee per pag

 

Ciappi i ritratt, i foo s cont on foeuj

poggi sul tavol el m portafoeuj

Oh che vaccada che hoo mai fa mi

el m portafoeuj me l'han bell e rostii

 

Ma mi sicur de la mia mettuda

ghe spuj in d'on oeucc e ghe strasci la muda

Ma I el me dis: m car Luis

el t portafoeuj l' giam in paradis

 

Voo de corsa a la posta central

per pod ma de rintraccial

L'impiegaa el me dis: Vittori

el t portafoeuj l' giam in purgatori

 

Gh'era dent dusent franch ma de quej mnga matt

dovevi toeu dusnt cravatt

on'oca o d cont trii o quatter polaster

on p de c cont insemma el capp master

 

 

Toeuvi on vagon de pasta lasagna

dovevi mand la morosa in campagna

e cont el rest del m capital

dovevi pass tutt' fest de Natal

 

Gh'era dent on bigliett de la Questura

de presentass cont on poo de premura

e insemma a i alter m document

la lista di debit che gh'hoo con la gent

 

Mi l'altra mattina sont ancam in lett

la mia miee la me porta on bigliett

el t portafoeuj el se troeuva in Toscana

sveglia che gh'hoo de f su l'ottomana

Torna allinizio

 

 

 

 

 

La mensa collettiva

 

A la mensa collettiva a gh el mangi che stracca
se va denter con la forza e se vgn foeura con la fiacca
la minestra semper bnna perch la dis mai nient
ten dann ona tazzinna ma ghe manca el condiment.

la minestra semper bonna perch la dis mai nient
ten dann ona tazzinna ma ghe manca el condiment.

Se te voeuret per vint lira te dann anca el bologna
la grassa che ghera denter l scappada de la vergogna
quatter rav in insalada fettin ben ben taja
merluzz che te refilen el campana me on danna

quatter rav in insalada fettin ben ben taja
merluzz che te refilen el campana me on danna.

A la mensa collettiva gh i sbarba de la via Arna,
ghe va anca el scior Giacbbe con la sciora Maddalna
Lisander chel starnuda el Rico perrucche
la mensa collettiva la fa s di grand dane ,

Lisander chel starnuda el Rico perrucche
la mensa collettiva la fa s di grand dane
.

Torna allinizio

 

 

 

 

 

El gir del mond

 

Ohej m sont partii a fa el gir del mond

Ma per ved se lera rotond

per lavoramm trii o quatter spostt

perch s'eri stuff de and al castt.

 

Ecco ch'emm fa el primm salton

e semm arrivaa fin in Giappon

ohj lilinsc hinn faa different

stt ai barbis gh'han denter i dent.

 

Gh''l Gervas cont el Battista

in Giappon che,fan i dentista

ohj giovintti andemegh adree

se n gh'l mezzo de vegn a c a pee.

 

Am abaradmm

ad Addis Abeba gh'han miss i tram

gh'han miss i tram con la perteghetta

e tucc i negher in bicicletta.

 

Em eberedmm

vendi la vacca e vegni a San Rmm

Um umeredu

gh' in gir la vos che t te see on cu.

 

M sont el ras ma de la Bovisa

e quand la gent la me ved a pass

me varden i scarp, i calzon, la camisa

e disen tucc: a l' matt de lig.

 

Ma lor el san minga che sont travest

de dnna la sera de omen del d

controlli i bastion da la Fera a Lorett

avarii gi cap che sont m el 07.

 

America Russia Cina e Giappon

con m a hinn in ottim relazion

e i tegni informaa de tutt l'andament

da la Trecca a lo scalo de smistament.

 

E insc hoo tiraa su on sacch de dnn

de tucc i paes e trii de Sarnn

e ci ho una giulietta color pisquano

per controllare tutta Milano.

A gh' la Maria la stiradora

che lee per i bigol la va in malora

lee i e stira a uu a du

vun con la nasa e l'alter col cu.

 

E lee come tosa la me piasaria

ma l' on poo bassa de carrozzeria

ohj come dnna l' minga mal

ma vacca malora la pesa on quintal.

 

Slonghi la man per tocc la foinera

ohj porco can la tr gi la dentera

slonghi la man per avgh on sostegn

la ghe se disvida la gamba de Iegn.

 

Per de danee lee n'ha faa on spropsit

la gh'ha el sedes ch'el par on depsit

ghe passa denter la littorina

el capp stazion con la banderina.

 

Ohi la bissa la bissa la bissa

l' la regina del Parco Ravizza

la gh'ha trent'ann ne dimostra desdtt

l' la regina de tucc i castt.

 

lo son Pierino il moccolo e foo el barbee

e l'hoo imparaa da piccolo sto bel mestee

Son stato in Abissinia, venivo da Macao

per fagh la barba al Negus intorna al bus del gnao.

 

Ma la barba a noi non ce la fanno

se ce la fanno la pagheranno

o se on bel d se incontraremm

pistolettaa de la vacca malora se tiraremm.

Torna allinizio

 

 

Fala taja

 

Trenta ghej t'impresti m, fala taj fala taj

quella barba l, o lendenon o lendenon

spiritual fala taj che te stee mal, fala taj

fala taj quella barba l.

 

Ohj quest ch de la Cagnola con des

ghej, con des ghej ghe la strppen foeura

fala taj fala taj quella barba l o lendenon

spiritual fala taj che te stee mal.

Torna allinizio

 

 

 

M l e lee

 

Hoo incontraa ona certa tizia in d'on trani in via Verzee

Quand l' sta l'ora propizia la m'invida in lett. con le

Ma in del bell che cicciarvom tutt e du come niente fuss

sentom vun ma che'1 vosava, ch'el piccava fort. a l'uss.

Salta foeura de volada: "oh Signor l' el m mar...

chiss adess che ressumada cssa foo??... povera mi!"

 

M tutt strem cont el frecc che faseva

mezz in camisa coi dent che batteva

sont scappaa stt al lett addirittura

ohej che paura! ohej che paura!

 

La ghe derva e l el vgn denter la furbona la fa le:

"a gh'hoo on gran dolor de venter, va toeu quajcoss in del speziee"

"L' nagtt, l' 'na cialada, te gh'avaree on poo de calor

te faroo ona limonada passaran tutti i dolor".

 

L'hoo sentuu cav i braghin poeu and in lett insemma a le

e m l, porco sciampin a trem de capp a pe!

E poeu hoo sentuu ma tutt quell che diseven

poeu hoo sentuu anca tutt quell che faseven

intant che lor in del lett se rusaven

i me pe gelaven, i m pe gelaven.

 

Hoo sentuu che l el cercava l'orinari l per l

hoo sentuu che l el rugava prpi indove che s'eri m

Tutt a on tratt el pe el me ciappa el tira frt foeura del lett

m del spavent tuttcss me scappa e resti bitt cont i calzett

 

L el vosava e m a preg l'era on quader del Turchin

del baccan s'hinn dessedaa el portinar cont i inquilin.

Hinn cors de sora tutt quant de premura

mm, dnn e fioeu in camisa addirittura

e m'han pestaa come ona coteletta

ohej che disdetta, ohej che disdetta!

 

Del prossimo tuo rispetta la donna

insc la diseva la mia povera nonna

e m crapon che l'hoo minga ascoltada

se l'hoo ciappada la pettenada!

Torna allinizio

 

 

 

Tosan de San Cristofer

 

Tosann de San Cristofer

mapim, mapm, mapim, mapum,

avete le gambe storte

mapim, mapm, mapim, mapum,

avete le gambe storte non potete maritar.

Torna allinizio

 

 

 

Lera mai success

(El Pinza)

 

Lera mai success

Hoo nanca trovaa on cess

Me son cagaa adss

a Montecarlo

 

Merda a non finir

Spuzza da impazzir

Se voltaven tucc

A Montecarlo

 

Ghera il vent a lincontrari

Ghera nanca on orinari

 

Merda in di mudand

Merda in mezz a i gamb

Hoo impienii de merda

Montecarlo

 

Sur la Promenade

A gheran di grand cagad

Scarligaven tucc

A Montecarlo

 

Pure in riva al mar

Lera on patenoir

Patenoir de merd naturalmon

A Montecarlo

 

Oh mon dieu che tanf si sente

Me seri ciocch de la merd la dis la gente

 

Merda in di calzett

Merda in del culett

Lera pien de merda

Montecarlo

 

El Ranieri con la Grace

Non si danno ormai pi pace

 

Dicon le rivist

Adesso che hanno vist

Ma che paes de merda

Montecarlo

 

Ma mi ghe vegni p

a Montecarlo

Ma mi ghe vegni p

a Montecarlo

Torna allinizio

 

 

 

 

 

 

Home Page