Camillo Cima

Storia de Milan

Cuntada dal Meneghin alla Cecca

(1895)

 

 

 

 

*Prima che Milan el nassess

 

*Imperator Romani

 

*Sant Ambroeus

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prima che Milan el nassess.

 

Per comenci proppi dal prencippi te devet sav, la mia cara Cecca, che dusent o tresent mila ann fa, ch insc, dove adess gh' sta barca di mincioni, che ghe disen Milan, gh'era tutt'acqua, tutt'acqua, tutt'acqua!

I montagn (le nev, i giazzr, che adess s'hin ridott in scimma ai Alp, vegneven gi fina a Lecch, a Comm, a Sest Calend!

El Po, el Tesin, l'Adda e tutt i alter fiumm, eren on miss-masc tutt'insemma, che formaven on lagh, anzi on mar tra i Alp e i Appenin !

Allora la sariss andada ben dom per i pescadr.... se ghe fussen staa, ma inveci de gent gh'era n'anca l'insegna e'1 s e la luna vegneven s lor de per lor, senza on can che ghe guardass in faccia.

Chiss che frecc, e che legria !

Alter che and in Domm a sent messa, o in Gallaria a somenn el bon temp!

Ghe sar staa dom di gamber, di trutt, di agon, di inguill, e chiss mai, forsi on quaj pess de quij che s' perduu la razza.

Dopo, a poch a poch e col pass di scoj, i sass e la terra che vegneva gi di Alp, han comenciaa a casci foeura el coo dell'acqua e l'acqua a ritirass; sar vegnuu su magara on quai taramott, fatt l', che s' formaa el terren, ha comenciaa a casci l'erba e i piant, e pe dopo compars i besti; di ors, di rinoceront e di cerf con di corni spropositaa: in fin i omen! E insemma ghe sar staa anca i donn! Figuret se vorreven rest indree!

Do dove eren vegnuu?

Vattelapesca! Chi dis ch'eren vegnuu de l'Asia; chi dis che ogni paes ha veduu a nass i s; fatt l' che i scienziati ne sicuren che ch vegnuu per i primm i Celti, che han casciaa via i Liguri, i Siculi e i Veneti (fina d'allora!).

Ma donca i Celti hin minga staa i primm, te par ?

Ma dimandegh on poo chi eren pe sti Veneti, sti Liguri, sti Siculi, che gh'era ch prima di Celti, e te risponden che hin quij che ha casciaa via i Pelasgi!....

E indree di Pelasgi gh' p nissun che sappia rampeg; se va a perdes in l'etaa di palafitt o della pietra, e chiss come l' stada.

Donca ona volta che gh' staa chi i primm omen, l' natural che se sarann miss a fa quaicoss per tr in castell a pesc, and a caccia, tegn su pegor e porscj, lavor, la terra, piant di baracch per sta a tecc e per difendes tant di besti feroci che allora eren minga in di gabbiott, come di lader che saveven nanm cossa fuss la questura.

Chiss che vita de can! Chiss quanti volt se saran ciappaa per el coll per robass la pacciatoria, la c o la morosa!

Brrr! Se sent a vegn frecc a pensagh!

Torna allinizio

 

 

 

 

Imperator Romani

 

La vigna di Milanes l' seguitada di centennee de ann. La repubblica romana per, dopo 800 ann de guerr, de trionfi, trovandes cont el cuu sul buttr, l'ha comenciaaa a scanchignaa: a sta tropp ben se diventa vizios.

El caratter fiero di vecc el s' perduu per la polver; venieva su di generazion de mezz omen moll come la polentina; suefaa a divertiss, a lass f di mennatorron, a poch a poch han ridott la repubblica a dov dipend di imperator, che vun pussee margniff o birbon de l'alter, n'han faa tonina.

I padron del mond g'aveven troppa carna al foeugh, e comenciava a calagh la legna per falla buj.

E peu qui benedetti barbari, antenati de Cecco Beppe, cressuu compagn di piattol, cercaven tutt i mezz per slargass feoura, e l'era natural che l'Italia, con l'odor di bon cappon, la ghe fass tir la gola a di martuff suefaa a condi la borlanda cont el sev.

I imperator romani per vess pront a tegnij indree, s'hin stabilii ch a Mlan.

Anzi ghe n' staa duu de imperator, milans busecconi, ma duu imperator del lella; vun l'aveva fina compraa la carica all'asta, figuret ti! quand i soldaa aveven imparaa a mett sul trono quell che prometteva de pagi pussee.

Con sti bi prencipi l'impero no el podeva ,che and in del ballon.

Costantin, che l' l'imperator pussee ben vist di prt perch in del 313 giusta ch a Milan, l'ha proclamaa la libertaa della religion cristiana, che i alter imperator aveven perseguitaa a mort, el g'ha daa el colp de grazia a Roma, col trasport la capital a Costantnopoli. E l'ann prima l'aveva inventaa ci crisargirio, che l' quella gioja della ricchezza mobile del di d'incoeu!

Allora Milan l' diventaa capital de l'impero d'Occident e Costantinopoli de quell de Orient.

Figurass che cuccagna per nun!

El guaj l'era che se andava gi, senz'accorges, vers la decadenza, e comenciava la confusion.

Quell nod in la grassa, l'era minga faa per guzz el talent, o rinforz el caratter.

Chi dominava eren i soldaa e nun vedom anca ai noster di, elio quand domina i soldaa so fa pii nient de bon.

Per allora gh' vorruu el so temp: intanta eren 500 ano che i sur Romani eren ch....!

 

Torna allinizio

 

 

 

 

 

Sant Ambroeus

 

L'imperator romano occupaa in la guerra, o in del divertiss ai spall di suddit, el tegneva chi a Milan on governator che ghe diseven Vicari, e in di rob de gesa gh'era el Vescov: perche te devet sav, Cecca, che i vescov han comenciaa poch ann dopo Ges Crist, de quand capitaa chi san Barnaba o sant'Anatalon, a predic la religion cristiana, che l' stada accettada da tucc in poch temp anca a costo di martiri e di persecuzion.

E sta carica de vescov la dura anm, dopo milla e votteent ann! De chi te capiree come hin organizzaa i pret e se i quatter gatt de la Lega anticlerical poden riussi a strappagh i radis! Ghe voeur alter!

A dagh on'importanza straordinaria a sta carica, saltaa foeura sant'Ambroeus, nassuu n Francia, per de famiglia romana, che l'era chi come Vicari de l'imperator.

Miss de mezz per giust i guj cont i Arian, che credeven minga in la divinitaa de Ges Crist, el s' dimostraa tant giust, tant galantomm e pien de talent, ch'el popol l'ha vorsuu per forza ch'eI fuss l el vescov; perch in qui temp l el vescov l'era come on bon pader di popolazion, je istruiva, je protegeva contra i angarij di prepotent.

E pe, te vedet? allora serom nun che nominava el vescov: adess l' el papa d'accord cont el governo e ne bolognen pe quell che ghe comoda a lor, magara on lavativ, senza nanca dimandann se semm content.

Come semm andaa innanz, vera Cecca?

Sant'Ambroeus l'era vun de qui omen de spallra che capita de rar: minga tiraa su in di seminari a fa el storta coll, o tegni el p in tanti scarp, el g'aveva on talent straordinari, on caratter de fer in mezz a tanti ciribira.

Quand l' staa su, l'ha minga voltaa i quader, come fann tucc i noster minister oh giusta; el s' conservaa on galantomm a proeuva de bomba on omm de coeur e de fidegh san in del vorr la giustizia, proteg i poveritt e fagh el muso duro a chississia, come quand el gha saraa la porta de la gesa in faccia all'imperator Teodosi, che cont el pretest de l'ordin pubblich - fin d'allora! - l'aveva, faa massacraa la popolazion de Tessalonica e pe, fresch com una roeusa, el vorreva sent messa!

E a Valentinian, ch'el g'ha minacciaa de fagh taj la testa, el rispondeva: ti f l'imperator e mi foo el vescov - ma el mollava mai sui diritti del so popol!

Quij hin omen!

Figuret t, Cecca, se al d d'incoeu on arcivescov el sariss bon de fa, altrettant!

Sant'Ambroeus l'ha scritt anca fior de liber; el predicava in manera che l'ha fina convertii sant'Agostin; cont i Arian el doprava la persuasion e minga el staffill; lha daa tusscoss per i pover, l'assisteva i ospedaa; l'ha regolaa el rito, che l' anm ona proeva de indipendenza da Roma, anben che i papa abbien faa de tutt per struppiall, fra i alter per portagh via quatter d de la settimana grassa; l'ha fabbricaa di gs l'ha tegnuu di concilli; l'ha miss al dover i pret, insomma n'ha faa tant de qui bi rob, e l'ha savuu inspir tanta confidenza, che i Milans ghe moriven adree; se, aveven de stranud corriven de l a ciam parr, tant' vera che l'han proclamaa s protettor allora, come l' anm adess, a, quell che disen, dopo ona pinola de 1500 anni!

Bisogna d chel fus proppi on gran omon, e l' mort li adree al 400.

Torna allinizio