Letteratura Milanese

Home Page

 

Giovanni Rajberti

il medico - poeta

 

 

 

*Biografia

 

*Opere

*Il Marzo 1848

*El pover Pill

*I fest de natal

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Testi

 

 

Il Marzo 1848

 

 

Sicch, l' vera o hin ball?

Se g'ha doma paura de insognass,

E poeu de dessedass

E sentiss ancam i Todisch sui spall.

Se restava tant minga suefaa

A vedenn voenna bonna,

Che questa ch, che la ne var cent milla,

Intant che femm per dilla

El par che se cojonna.

Ma no, quij car Pattan hin proppi andaa,

Cio i emm casciaa via

On poo de desgarbaa

Dopo trentaquattr'ami de compagnia:

E i Milanes insc grazios e bon

In fin g'han mostraa poca educazion.

 

Trentaquattr'ann de flemma

L' staa on gran bell duralla e nun e lor.

Semm vegnuu vece insemma

Ai noster bon tutor.

Quij che han trovaa bardassa de pasquee

Adess hin andeghee:

I tosannett hin nonn:

E se p di che han vist a seppell

D volt la Lombardia, staghela li.

E quand gh'emm ditt coi bonn

Che serem p fioeu

E de guarn in saccoccia el tettiroeu,

Cribbi, che furia porca!

Han impienii i gazzett de strapazzad,

M'han promiss boia e forca;

E intrattant per provamm che semm bagai

M'han faa corr per i strad

Sott ai bott di soldaa e di polizzaj.

 

Rivaa a sto pont i coss,

L'odi e la rabbia g'han vuu p misura,

E tucc a svoi 'l goss;

Fin quij che g'ha paura

Del prezzi di galett e di Cartell,

Fina tucc quij che per salv la pell

Leccaraven la pesta o l'Antecrist,

St'invrnmo chi s'hin vist

A voltass contra a lor e maledij;

E se fussen staa men compromettuu,

Credi che fina i spij

Ch'avaraven voltaa tanto de cuu.

Ma l'Austria sueffada

A vess abominada

E a schisci i vanzavusc di simpatij,

La tirava via drizz per la soa strada:

Che vosen pur, che faghen,

Ma che tremmen, che creppen, e che paghen.

 

A d la veritaa,

Serem anca on poo stracch

De vess compassionaa

In qualitaa de invalid e de fiacch:

No se leggeva olter sui gazzett

Che Poveri Lombardi, oh marcadett!

E gh'aveven reson:

Depertutt Viva Italia e Viva Pio,

L'era ona fiocca de costituzion;

E nun, sangue de bio!

Ne se seguita a strenc el straforzin

Che me fa schizz i oeucc foeura del coo?

Puttasca! juttet che te juttaroo,

Dis el nost meneghin;

E s' pensaa sul seri

A ved de cavass de sti miseri.

 

Emm comenzaa a provass

Sul pont de l'union:

Presempi, a cambi 'l cors per and a spass,

E tucc insemma s' cambiaa rion.

Incoeu se va a teatter, tucc ghe andaven;

Diman no se ghe va,

E tucc staven a c;

S'ha de fa la tal cossa, e tucc la faven.

Col primm de l'ann se fuma p zigall,

E, via de quai carogna

De quij senza vergogna,

Almanch in publich se fumava p:

Sti coss ai ciaj pariven coss de ciall,

Ma gh'era dent la soa bonna virt:

Tiraven a spiegass tutt el paes,

Saldaven l'armonia,

Inviaven a fa quaicoss de pes,

E faven disper la Polizia:

 

Che matta e infuriada

L'avaran pestaa el coo per i muraj

Per av mai poduu trov la strada

De catt i mennapolt e ingattiaj.

Intant per f quaicoss,

D'accord con tucc i olter capp, baloss

S'hin miss a f sar parecc Casin,

E a fa stremi de nott

I mej familli di nost cittadin,

Borland al lece de bravi giovinott,

Faj vest, strusaj via,

E mandaj per la posta in Todeschia.

 

La deventava spessa:

A Napoli s' faa costituzion,

E tutt Milan corrend in Domm a messa

L'ha voruu f la soa dimostrazion:

E l'ha fada tant grossa e de sfacciaa,

Che i Todisch no han sbrottaa.

Ma dopo han faa stampa, le leg stataria

Che l'ha stremii come i moschitt de l'aria.

Intant, per spassass via,

Han battuu on poo i student

A Padova e Pavia;

Tutt coss bonissim per el nost intent:

Inzigaven el Tr de Lombardia

Che coi oeucc ross de rabbia

L'ha comenzaa a freg i corni in la sabbia.

 

La cera de Milan

Vers la mitaa de marz l'era ben scura;

Ch'era quaicoss che metteva paura.

In del sarass la man

I amis diseven: Pronti, emm de finilla!

Cosse voreven f? le sa '1 Signor:

Nol saveven nanch lor.

Giudizzi, Milanes! che gh cent milla

E passa bajonett

Che ne borlen adoss in manch d'on ett:

E nun semm disarmaa,

Semm minga regolaa;

No gh'emm n sperienza n malizia;

Regordv di spetasc de la Galizia!

Se, dininguarda, femm quai strambaria,

Emm de vess tucc vitej de beccaria.

 

A l'alba del dersett,

Ora adattada per no fass fs'ci,

L' mollaa via Rajner quiett quiett

Dopo av strappaa s i ciod de la c;

Lassand i rden che l'ha mai ciappaa

E i so speranz fondaa (1).

L' andaa via sospirand de quell palazz

Dove l'ha faa trent'ann el vis de cazz,

Giugand al tira molla, al si e no,

Vedr, dir, far quel che potr:

Beato de pass per coo de legn

Quand l'era on porch indegn.

Va, tira drizz, e voltet nanca indree:

Cosse pensen de d i nost Milanes

Prest prest tel savaree

Se te portet i verz; al to paes.

 

L'istess d per cittaa,

Intr 'l mezz di e Fora,

Se spantega on trattin la novitaa

Che gh' tutta Vienna sott e sora.

Gesusmaria! Vienna?

La c di nost arpij,

La cittaa de la carna e di legrj,

La cittaa del talent che sta in la schenna,

E del rispett eterno,

Anca lee revoltass?

L' come imaginass

I sorbett a l'inferno.

Ma, disi, i lacrim, la disperazion

De ses o sett nazion

Che formen sta potenza bestial,

A chi ghe fari bon pr, giurabaccon,

Se la sta p in la pell la capital?

 

A la mattina adree

Ne riva per telegrafo e correr

El rose de tutt i grazzi: imaginee

El slargafiaa di omen de parer

A ved la cittaa

Satisfada in do s giust desideri

Senza rivoluzion

N olter trebuleri.

Difatti hin staa stampaa,

E taccaa foeura subet sui canton.

Pont primm: Abolizion de la Censura;

Segond: Convocadura

A Vienna di nost rappresentant

De li e mes no soo quant.

Ah facc de tutt'i di!

Dopo on bel terz de secol de malann

Mand gi de sta sort de cremesi,

E menamm anm a spass con di bambann?

 

A on popol stomegaa

Che tr bava e pretend quaicoss de gross,

Che voeur in conclusion vess liberaa,

L' men maa dagli nagott che dagli on oss.

In mezz ai nost nemis,

Cont ona Polizia

Che rid sott ai barbis,

O me guarda in cagnesch quand passem via,

Sto loffi de censura

L' ona canzonadura:

Anzi l' on trabuchell e on tradiment

Per mett i sgriff sui omen de talent:

Perch se on coo de matt

El gh'avess coeur de scriv on poo ladin

E de scart bagatt,

El d dopo l'inzanchen i Pollin:

E in sta bella manera i nost scrittor

Se faraven la spia lor de per lor.

 

Sto tratt insc de tangher

L'ha rasaa la misura

E l'ha tiraa Milan foeura di gangher.

L s' cors adirittura

Al palazz del Brovett, in municippi

Per f la guardia civica. - Va ben,

Ma gh' minga de s'ciopp. -

Faremm a condemen:

Ombrell e regondin per el prenzippi,

E ghe n'emm anca tropp. -

Han miss gi parrecc pont de petizion,

E in cova al Podestaa,

Che con coeur de leon

L'ha ris'ciaa semper per el primm la pell,

Sto esercit disarmaa

L'e andaa al Governo, del sur O'Donnell,

Per fagh firm quel che voreven lor,

Per forza o per amor:

Perch difatti la vegneva veggia

E l'era vora de d on p in la seggia.

 

Rivaa al palazz, mazzaa

Do guardi, e tolt s'ciopp e giberna ai olter,

Trovaa '1 Donnell sconduu, e destanaa,

G'han faa firm i decrett, e noccorolter.

Intrattanta la gent,

Per no st a zffol pondada ai mur,

L' corsa per i sal allegrament

A strasci, spanteg e butt via

Quai centenna de risma de scrittur

A gloria e onor de la burocrazia

Fada de sgobbadura e de palpee.

Dopo s' tornaa indree Trionfant,

glorios Sbraggiand a tutta vs:

- Viva l'Italia, abbass la Polizia!

 

E l, foeura coccard, foeura bander

Di poggiceu, di finester, di lingher.

L'era ona scenna noeuva,

Granda, pienna, vegnuda a l'improvista,

Sul fa del gust che proeuva

On orb quand el ricupera la vista.

Che bell'oretta de carnevalon!

La variva cent ann de mascarad

E d'alter bagajad.

Quelle esercit de gent

El s' come divis in do porzion:

Part hin cors al Brovett

A fass inscriver per guardia: el rimanent

Hin restaa a linzon per la corsia

Di Serv, tutta festosa e d'on effett

Che fava sbilidri de la legria.

Quand' tutt a on tratt... l' staa ona s'cioppettada

Sparada de lontan (2) ?

L' staa quai sser che corress per strada?

S' spantegaa on allarme in tutt Milan:

E l' staa in d'on esuss

On urtass, on sbandass,

On pesseg a sar bottegh e uss,

On tir su i rizzad per f di sass.

 

L' staa de quel moment

Ch' comenzaa ona guerra disperada

D'on popol disarmaa contra on'armada:

Roba ch fa spavent!

I s'ciopp contra i baston,

I sass contra i cannon,

E ona cittadinanza sueffada

A tutt i e omoditt,

E a scoeud tutt i petitt,

Moresina e pacifica de coeur,

Che tutta insemma salta s in d'on tratt

A fa quell che Dio voeur.

Fieri come leon,

Svelti come legoratt,

E senza distinzon

De pitocch, sciori o nobil,

De donn o de fioeu,

De gioven o de vece,

Chi ruza in strada i mobil

Per fa di barricad,

Chi resenta i bottegh di ariniroeu,

Chi se porta ai finester o sui tecc

Per tir sui nemis copp e sassad.

 

El primm bisogn de tutt

L'era quell del fusill,

E attorna i p ris'cios e risolutt .

A guadagnassel col tarell, col still.

Ogni s'ciopp guadagnaa

L'era on Croatt mazzaa:

Ogni vun de qui s'ciopp

N'ha voltaa l di tropp.

I campann a martell col so dan dan

Boffaven in la furia de Milan,

E qui son tant terribil e pietos

A tucc gh'era duvis

Che fudessen la vos

De Pio Nono che ai nost e so nemis

El ghe sonava i bott de l'angonia.

Dopo compars avoltra anca i cannon

Che in quella sinfonia

Faven de tamboron.

E sta scenna de sangu e de spavent,

De foeugh, de mazzament,

Sta frenesia, sto inferno in barilott

On trattin l' duraa cinqu d e cinqu nott.

 

Madonna de l'ajutt!

Come p la cittaa

Desgarbiass de tanti post armaa

Che la inredaven tutta e depertutt?

I barricad hin bonn de tegn indree

La truppa del Castell

E di olter quarter foeura di pee;

Ma la Cort? e la piazza de Mercant?

E quij del Genni? e '1 General Comand (3)

E tanti Corp de guardia e sentinell?

E Santa Margaritta? e i Andeghee?

San Simon? Sant'Antonni?

E tanti olter bisoeu de Polizzaj

Che per vess odiaa come demonni

Hin staa i p disperaa e i p canaj?

E la c de Radetzky? e San Francesch

Magazzin de Todesch?

E i trupp ch'eren sul Domm a spar gi?

M'en regordava no,

E almen quij se p di senza ingannass

Che ne trattaven proppi d'alt in bass.

 

Milan l'ha tegnuu dur:

Gi l'era al tu per tu de vita e mort,

E la s' missa al fort,

E l'ha ditt anca lee: Zorocch t e mur!

I Corp che hoo nominaa

E tanti d'olter che hoo desmentegaa

Part col brusagh i port

Sott al tir di fusij e di cannon,

Part per assedi e famm,

 

Part per av vojaa la munizion,

Part dopo faa di tradiment infamm,

Chi s' daa presoner,

Chi sghimbiaa via de nott

Locch, travestii, mezz biott.

S' ciappaa tutt i post, tutt i quarter:

E dent di pont no gh' staa p soldaa

Che no fussen in gabbia o massacraa.

E innanz a p non poss

A slontanaj anca de l del foss;

Han battuti e ciappaa San Semplizian,

Sant'Angiol, San Vittor, l'Incoronada,

San Lucca,... in conclusion tutta l'armada

Casciada a furia de tutt quant Milan

La s' ridotta cont i soeu cannon

n del Castell, ai dazzi, e ai bastion.

 

Capii che bagatell?

Dom a cuntaj se sent tutt a rug:

Per omen fabricaa de carna e pell

L' 'l non plus ultra e no se va p in l.

E de quest capirii

Che ghe n'era puranca de la gent

Che ghe pondava dent,

Che s' mai desvestii, che ha mai dormi,

Che girava di e nott per la cittaa

Mojisc, rauch de vs e strabuffaa,

o E che a furia de corr, battes, drovass

Aveven pers l'usanza de fermass.

 

I donn han faa miracol

De forza, de virt, de intelligenza;

P n lacrim, n ciacol,

Eren el balsem de la providenza:

Lor col piomb, lor medeg ferid,

Lor mett coracc a tucc

E f, col cceur strasciaa, bocchin de rid.

Lor f bind e filaper,

E fina tratt '1 s'ciopp compagn di gucc

E mand al babbi on rebellott de Slaper.

E la bardassaria?

Tutt a on bott l' cressuda in del giudizzi,

Beati e smanios de fa servizzi,

E de mettegh la pell comesessia.

Lor s e gi per i strad

A port intorna avvis,

E in pee di barricad

A fa segn che rivaven i nemis,

E vosagh adree succ! ai s'cioppettad

Come fan sabet grass cont i benis.

 

Hin coss d'ona natura

Che per vess ben cuntaa

Bisogna vessegh staa in mezz adrittura,

E l' per quest che mi vi cunti maa:

Perch, come savii,

Sont deventaa Monsciasch che l' chi ajbella,

E sti robb i hoo leggiuuu e i hoo sentii;

Ma quella gran scovada,

Per mia disgrazia, hoo poduu no vedella.

Ah!, se gh' staa on moment

Che m' pesaa sul coeur la besasciada

Del m lontanament,

L' staa quest chi: sera dannaa, camuff

De trovamm. minga in mezz al m Milan

A juttagh ona man,

Port in straa moschiroeula e portaruff,

E spetasciagh la ghigna a quai Croatt

Con la marmitta, col bronzin, coi piatt.

Hoo nanca movuu on did contra i Pattan!

E quand ghe pensi s

Me troeuvi fina indegn de vedej p.

 

Se ghe fudess staa dent

Marcarev di cossett e di penser

Che al poetta ghe rughen el talent,

E la pu part ghe passen via liger.

Chi me impresta d r de qui cinqu nott

Che mi trasava a Monscia a f nagott?

Che magazzin de idei

In quel tarlescament

De campann e martej

Che tempestaven gi de tutt i ges!

E qui vs che vegneva de lontan

Portaa de post in post per i contrad

A vis i pese pericol de Milan:

- A Porta Tosa! - A Porta Ticines!

Foeugh al tal dazzi! - All'erta ai barricad!

E quel trovass insemma

Gent che s' mai veduti n conossuu,

Senza sospett n temma,

E vess i ben vegnuu,

E sentiss tucc fradej e tucc sorell,

E in quell'agitazion

Del pericol che forma l'union

Trovass el coeur ciappaa senza savell,

E Dio predestin di parentell.

 

Ma i Milanes lontan

Han passaa de qui spasim in qui d

De inguraj nanca ai can:

Perch violter chi

(Minga che voeubbia sminuiv la gloria

De av faa di miracol incredibil

Che han de pari panzanegh in la storia),

Ma, disi, chi in Milan,

Passaa qui primm moment, i p terribil,

Savevev cosse favev.

Savevev come stavev,

E, direv squas, l'orgasmo de l'azion

El slingeriva ai oeucc la situazion.

Vedevev Feroismo

Di voster tiralioeur,

Quiett el barabbismo

Che lavorava insemma de tutt coeur,

E l'union de tutta la cittaa,

E rispettaa '1 Governo, e '1 Comitaa,

Tant che fina in pericol de la mort

Cresseva el sentiment de trovass fort.

 

In quanto poeu al cannon,

A poch a poch ve serev persuas

Ch'el lavorava insc a vista de nas

E che '1 gh'aveva on poo del fanfaron.

S, l'ha strasciaa di mur,

L'ha faa di bei rottur,

Ma men poeu infin di fin

De quell che ghe premeva a Rainerin (4)

(On pop de Rajner che reussir

Per stomegh e bon coeur mej del pap).

Del rest sti cannonad

Se faven debolment el so dover,

Con fior de s'cioppettad

Se ghe coppava tutt i cannoner:

El colp gh'era el s comod de schivall,

E de portass apress coi fassinon

Per pod tir a segn,

E poeu lassall sfog compagn d'on ciall

Incontra ai med de legn:

Violter Milanes in conclusion

Gh'avii pers molto el credit al cannon.

 

Ma vess lontan des mia

E senti semper quel brontolament

Che '1 pariva l arent,

E che in del temp de di on'avemaria

El replicava quatter o cinqu volt,

Credevem che Milan el se desfass,

E che i c pussee avolt

A tocch a tocch crodassen tutt abass.

Ogni colp che se tira

Dio sa che mazzament e che sconquass!

Tra i olter ona sira (5),

Che andava cannonad de l'alter mond,

Ch'era la luna pienna, e insc a bell bell

La s' quattada dent come in d'on vell:

E mi cont el coo in man

Diseva: La se scond

Per no ved '1 sterminni de Milan.

A st'ora chi Dio sa cosse n' andaa

De parent e de amis!

E li m'era duvis

De ved '1 tal e '1 tal longh e tiraa

Cont spantegaa el cervell per el selciaa.

 

Signor, che viv d'inferno!

Com'hin staa longh per nun qui cinqu giornad!

Rivava quai proclama del Governo,

Ma i credevem sparad

Per tegn in pee '1 coracc:

Infin savevem mai nagott affacc.

Mandavem di vittur e di pedon

Per av informazion:

Ma, di cojoni! appenna che toccaven

La Cassina di Pomm, oppur Lorett,

Che ciappava el spaghett

E a gambe ghe la daven:

Che la gent sequestraven i cavai

E la Croazia la batteva i ortaj.

 

Passaa i primm tre giornad,

L'era ona smania tal, ona passion,

Ona disperazion,

L'era roba de dass di cortellad.

Me pariva incredibil

Che '1 fuss anm possibil

De battes, de st in pee.

E i baloss? e i pittocch che no sent leg?

Se podar tegnij de fa saccheg?

(V'emm calanniaa, povera gent, scusee!)

Se gh'aveva rimors de and a dormi,

De mettes a disn.

Se diseva: L gi de st'ora chi

Chi l' che dormir?

Chi sar settaa a tavola in Milan?

Quanti sospiraran on tocch de pan?

I provision de bocca

Podaran circol?

E tucc quij che ghe tocca

De lavor d e nott,

Pese che in temp de borasca i galeott,

Com'han de f a mangi e moj '1 becch?

Roba de avegh la polver sui busecch.

 

Finalment anca nun

Gh'emm avuu '1 nost ossett de resign,

E l' staa '1 di vintun:

Vottcent soldaa de batt e disarm!

Voreven toeu '1 passagg

A ona frotta de bulli de Lecches

Che infiammaa de coragg

Correven in ajutt di Milanes:

Allora Monscia anch lee

Coi so vintott o trenta s'ciopp de caccia

La se gh' missa dent cont man a pee

E no l'ha voltaa faccia!

E l' staa on affar gross, longh, disperaa,

De pari fina matt a 'vell tentaa.

E ghe n'hin reussii

Cont on bell mucc de mort e de ferii.

E mi ai primm colp pessega,

Preparem a bottega,

E sont staa all'ospedaa squas tutt el di

A giust, reseg, stagn, cusi:

E (quand se dis a d)

Quel lavor fogaa de beccaria

El m'ha desaviaa via

Del penser principal,

E, salvo el dispias,

Che ghe n'hoo avuti com,

L' anm staa '1 d che abbia passaa men mal.

 

A l'ultima giornada

N' tomaa adoss la vita e la speranza:

S'avarav ditt che tutta la Brianza

L'era on nivol de usej che fass passada.

Andaven al Vapor

Ch'el menava gi a gratis tutt i r;

Passaven via a tropp,

Annaa a la bella mej de forch, de s'ciopp,

De sciabol, de pistoll e de folcion.

De baston cont ligaa inscimma i cortei,

E (le lanz strappaa foeura di restej.

Chi sonava tambor,

Chi portava bandera,

L'era on moto, on sussor

Olter che in temp de fera!

Bagher, vittur, carrocc, carr, carrettitt,

Cont pan, vin, polver, ball e cannonzitt:

E se sbraggiava, se batteva i man:

Evviva i Brianzoeu, sangue de di!

Bravi, corrii a Milan,

Mazzee on para de Gnibba anca per mi.

 

Quand poeu Dio l'ha volsuu

Radetzky coi s besti ghe l'ha dada,

E Milan l'ha vengiuu,

E s' vosaa: Betulia liberada!

E gi subet mezz Monscia per Vapor,

Ancam tutt stremii

Per paura di mort e di ferii,

A cerc cunt di s parent, di amis:

E'l tal ? e '1 tal?... e '1 tal?... grazia al Signor,

In proporzion de l'odi di nemis

E de la volontaa

Che gh'aveven de f busecca e mort,

L' staa on gran bell confort

A ved che l' andada minga maa;

E m, presempi, i mee,

Che hin on bell rose, i hoo trovaa tucc in pee.

Se brasciaven s tutt

Come se se vegniss de Calicutt;

L'era on mist de legria, de convulsion,

Tucc gh'aveven quai storia de cunt

De orror, de compassion:

Se fava nanca a temp de dagh atr.

E ve diroo che fina

I p gran motrion

Gh'aveven tucc adoss la parlantina.

 

Qui ludri de Croatt,

Insc negher e brutt! m me figuri

Che gh'abbien del scorbatt

Perch hin proppi usellasc del mal auguri.

Quand incontraven gent

Che ghe mostrava i dent

Sti carogn barbellaven e scappaven

Come i bagaj che tremma del bordoeu,

E presoner piangeven, supplicaven:

Ma in sit foeura di pee,

Cont i vece, cont i donn, cont i fioeu

N'han faa tant che sia assee.

N'han inciodaa paricc contra i muraj,

N'han onguu d'aqua rasa, e poeu brusaj,

Parecc bambin de tetta

I han portaa attorno su la bajonetta;

E a vun de sti Antecrist g'han fin trovaa

In la giberna d man delicaa

Con s i anej in dit... Oh, car Signor!

Hin m fioeu de Pio Nono anch lor?

No! freghgh gi '1 battesim a qui moster

Che g'ha in di viscer la maledizion,

Che no gh'entren nagott col Pater noster;

I tigher, i leon,

I lff rabbiaa de famm e idrofobia

In pari a lor hin fior de cortesia.

 

E tutt sti azion d'inferno

I han fors faa per difend i s diritt?

Per salv la soa c, i soeu piscinitt?

Noi per serv on Governo

Forestee, prepotent, lader, lontan,

Gent che no han mai vedu-u n conossuu;

Che per on tocch de pari

Negher e muff, e di legnad sul cuu,

E on scartozz de tabacch

Je strappa di s stall e di s vacch,

Per corr a spanteg de terra in terra

Tutt i orror de la guerra

Contra di popol che g'han faa nagott,

E che anch lor crennen sott

A l'istessa familia de ladron

Che bev i lacrim de tanti nazion,

E che tra vuna e l'oltra la somenna

La rabbia e la passion de sbuseccass

Per tegnij tucc stremii, debol e bass,

E mand innanz la boria de Vienna.

 

Ma i pover Milanes

In mezz al s trionf, quanta bontaa!

Ilari renduu ben per maa:

Naturalment, se han liberaa '1 paes,

Han dovuu coppan gi n tropp n pocch;

Ma quand i Pattatocch

Ghe capitaven viv- in di s man,

I liti staa trattaa fin tropp de cristian.

E i centenn de ferii

(Anca ben che ghe voeubbia on bell talent

 

A fissass che Do sien besti ma gent)

Hin staa assistii, servii,

E consolaa anca lor

Lecc a lecc cont i nost liberator.

E tutti i presoner

Hin talment ben trattaa e mantegnuu

Che g'ha fin de pari de av vengiuu:

E in quest Milan l' staa tutt d'on penser:

Ah, la vostra vittoria

L' stada el colmo de la vera gloria!

Perch a pati. qui strasc de infamitaa,

Fagh minga pag '1 fio,

Anzi trattaj con tanta caritaa,

L' ona virt che ve avvisina a Dio:

Gi Milan l' puranch de bonna pasta!

Han nanca mazzaa '1 Bolza, e tanto basta.

 

Ma per torn indree on pass

E sar s '1 discors di cinqu giornad,

Vuj di che i barricad

M'han faa rest de sass.

S'ha pari a pensagli s come sessia

Per fassen on'ideja:

Hin ona maraveja

Che passa tutt i sforz de fantasia.

Gir Milan, contrada per contrada,

E ved depertutt, ogni tocchell

La c portada in strada

Dai trappol del soree fina al vassell!

Matarazz e pajon, banch e sciffon,

Vestee, bauj, cardenz,

Antiport, capponer (senza cappon),

Omnibu.s, diligenz,

Legn de la Cort, forgon,

Med de s'cenn, de fassinn e de letamm,

Cass, cassetton, bar,

I p bei equipagg di noster damm,

Qui carrocc che la gent sul f de mi

G'han mai de pond dent el taffanari,

Cont foeura i roeud e cont i pitt a l'ari.

 

Se capiva polit

I mestee di bottegh de la contrada

Guardand de sit in sit

De coss'era compost la barricada.

Se l'era on seggionee

Gh'era brent e seggion, btt e mastej:

L'era on stallazz? gh'era de foeura carr,

Bgher, vittur e barr.

Se conosseva el fruttiroeu, el pessee

Per i scorb e i cavagn pien de quadrej;

E a San Zen, l del boia, ghera finna

El carr de la berlinna.

Banch e confessionari arent ai ges:

Quij pr contra a la Scala eren difes

Dai sedi de platea del Teatter,

E li apress, al Giardin,

Che l' '1 s magazzin de tutt i tatter,

Troni cont i gradin,

Divinitaa de rivi e gess, scenari,

Fett de montagn, colonn e colonnett,

E tra cent olter mila strafusari

Gh'era fina on barchett.

El Demani l'ha daa per barricada

Di carr de.... induvinee.... carta bollada!

E credii minga che tutt sto miscmasc

De robba bella e strase

Che naspaven la vista in del guardai

Fassen rid nanca i ciaj.

Se ghe vedeva i sforz e l'union

De tutt i cittadin che s'hin daa man:

Dedree de qui monton

S' tegnuu in pee Milan,

E scadennaa l'Italia sul Pattan.

Qui baracch ve cuntaven ona storia

Che andar foeura p de la memoria:

Faven voeuja de piang, de ingenuggiass

Mej che denanz ai monument de sass,

E pariva de leggegh su stampaa:

ARCHITETTURA DE LA LIBETAA!

 

I mee car Milanes,

Se vorii dimandagh ai noster vecc,

Di guerr n'han vist parecc,

G'han avuu chi Todisch e poeu Franzes,

E poeu Todisch anm

E poeu anm Bonapart a pestai gi;

E infin poeu semm tornaa a borl in man

De sti razza de cari.

Ma sto ibis redibis, sti furor

Di forestee che se robava el post

E voreven l'Italia a tutt i cost,

Eren tutt coss che faven tra de lor

Coi s esercit in pee

Che andava innanz indree.

E'l popol, diroo minga indifferent,

Ma 'l stava l quiett

A specci de servi '1 p prepotent, i pret pregaven

Dio in di secrett. Ma nemis insc fort

Che a costo de and tucc contra a la mort

Se cascien a sassad, a quadrellad,

A campann e martell e barricad,

A sgarr e a urli de maledizion

D'on popol che l' tutt in convulsion,

A student e abbaditt de seminari,

A pret e fraa col crocefiss in ari,

A gent che corr de tutt i part d'Italia

Cont la bava a la bocca

Per spetasciaj in l'ultima battalia,

L' on fatt: strasordinari,

Che fa gir '1 cervell

Compagn d'ona bicocca;

Ch' dent la man di Dio,

Gh' dent la vs de Pio,

L' on fatt tant grand e bell

Che s' mai daa l'ugual, n '1 se d p,

E che parla tropp ciar l de per l.

 

Adess m se dimanda

Se qui pover baloss

Han proppi meritaa de dagh adoss

Con sta furia insc granda.

Chi vemm su l'argoment

Di canajad che han faa, e di malann

Che n'han vojaa sui corni in tutt sti ann.

Ma no l' minga el cas de strusagh dent

Insc liger liger,

Perch l' ona tal fila de latanni

Che dom a tornagh sora col penser

Se sent adoss i sudor frecc e i smanni.

E m che no soo nanch com'abbia faa

Con la crappa anm lcca

De tanti novitaa

A tir gi sta magra filastrocca,

Adess vuj riposs,

E mettem de premura a f nagott:

Dopo taccaroo sott

E tornaroo a sbraggi.

Donch semm intes, ve specci on'altra volta

Che hoo de cuntaven s ona gran missolta,

E i cuntaroo polid,

E ghe sar de piang e anca de rid,

Perch se tratta infin

De process i Todisch in meneghin.

 

Ma prima de and via

Trovaren competent e natural

De f on poo de moral

Insc a la bonna e come sansessia.

Disii on poo, la mia gent,

In quell'impegn terribil

Come l'ha faa a cavassela Milan?

L' ch'eren quasi tucc d'on sentiment:

E a sto mond l'union

La tr foeura i miracol p incredibil.

E la filera de impiegaa pattan,

De balos e de spion

Che gh'aveva interess che l'andass maa

Han trovaa de st quacc e no han sbrottaa.

E l'Italia savii per che reson

Dopo av dominaa su tutt el mond

L' tomborlada in fond

Compagn d'on milionari spendaccion

Che feniss in di cronich a Biagrass?

L'ha tolt s sto sconquass

Per la disunion,

Per la superbia e l'odi di partii,

Per i guerr de cittaa contra cittaa,

E fina de pasquee contra pasquee:

E quand s'hin trovaa tuce indebolii,

E ben desbirolaa,

Allora , saltaa in scenna i forestee

Che hin deventaa padron,

E per esercitamm in l'umiltaa

M'han robaa fina el titol de nazion.

 

E l' on pezz che la va

Sta storia bozzaronna

De ved scalcagnada a struggion

Conte povera serva la padronna di secol assee

Che l'Italia la purga i cattiveri

Di messee di messee di nost messee,

E nun s'ha ereditaa on mucc de miseri

Frut de qui lit, e de qui guerr infamm

Che hin staa come on segond peccaa de Adamm.

E adess che semm reussii

 

Per on miracol de combinazion

A sbatt gi '1 bast e romp el cavezzon,

Ghe sarav di partii gem dispost

A f di raccol e pestass i crost?

El primm bisogn l' de st fort e unii:

S, ben unii e fort,

Se de no precipizzi, infamia e morti

 

Guardee, l'Europa integra

La ten sbarattaa i oeucc sul nost paes

Per ved se semm bon de fass i spes

E de invi bottega.

E se no femm i coss polid e prest,

O on boia o l'olter ciappar pretest

De ficcagh dent el nas

Per fann quel che ghe pias:

Perch insomma l'Italia l' tropp bella

E tuce voeuren godella.

Parlemm ciar: se vorii che i nost nemis

No tornen prest o tard.

A onscisciass i barbis

 

Col lard di nost porscej,

Emm de st tucc insemma e vess fradej,

E avegh ona leg sola e on soll stendard:

Ciappemm la pappa fada;

Femm che sia nostra ona superba armada;

Radoppialla a di pocch,

E on mezz milion de guardi nazional

A fagh de contraffort e de schenal;

E poeu se i Pattatocch

Gh'avaran su l'Italia di caprizzi,

Che cavaremm del coo sto schiribizzi.

 

Mi adess disi per d,

E se semm in d'on temp che ogni pivell

Bagna el nas a Gioberti e a Machiavell,

Poss dottor anca m.

Gi, statitt, reottitt, republichett

Varen come '1 vinett,

E la ven veggia coi diminutiv:

E poeu certi paroll

Metten la gent quietta in sul chi viv!

E ghe tran el coo a l'ari

Ai barabba, ai pajsan e ai operari.

Del rest, chi l' quel cioll

Che podend viv del so cerca on padron?

Ma bisogna adattass come se p.

Ona costituzion

Sincera, larga, pienna,

Ch han de parl con nun a mettela gi,

Fada e tajada per la nostra schenna

(E adess i nost hin schemi de barricad!),

Netta de scappatori e de cinad,

Sii minga persuas

Che in giornada la sia proppi el nost cas?

E sta povera Italia, che l' giust

Sul fa d'on strivall frust

Tutt poncignaa a tassej e tassellitt

Per man de des o dodes sciavattitt (6),

Femmela noeuva on bott dal mezz in s!

El rest l' adree a fass nceuv l de per l.

Chi ghe sarav insc de resonn,

Ma per no famm fis'ci,

E toeu s, se sa mai, de l'ignorant,

Taji s a vista e ve saludi tant.

 

O bosinada mia,

Molla del stampador

E fatt mett a la via

Senza licenza di superior.

 

 

 

NOTE

 

 

(1) Dopo le enormit commesse in Milano, la sera dei 3 gennaio, dalla soldatesca, comparvero due Proclami dell'ex-vicer intesi a calmare lo sdegno della popolazione. Egli dicevasi padre di tutti noi, ci chiedeva illimitata confidenza in lui, parlava delle sue pi fondate speranze di ottenere concessioni da Vienna, cc.; e assicurava i suoi diletti Milanesi che egli teneva pi strettamente unite nelle sue mani tutte le redini del potere che li doveva tutelare, ce. Parole divenute proverbiali in Milano, specialmente dopo la promulgazione della Legge Stataria.

 

(2) Ho lasciato in dubbio quale sia stata la causa ultima determinante l'attitudine reazionaria di tutta la citt, perch non potei raccogliere dati certi- pare che diversi atti di violenza militare sieno accaduti quasi contemporaneamente in vari punti disparati di Milano.

 

(3) La rima fatta per gli orecchi e non per gli occhi; o, in altri termini, risulta dall'identit de' suoni, e non sempre da quella delle lettere che li esprimono: testimonio la poesia francese a ogni verso. Perci mercant comand, pret fed, ec., sono ottime rime, perch abbisogna un apposito sforzo di pronuncia a renderle dissonanti.

 

(4) Si allude a due lettere del giovinetto arciduca Ranieri scritte a un fratello, e pubblicate nel N. 5 (30 marzo) del Giornale ufficiale di Milano.

 

" Auguro ai Milanesi che ne sieno restati per lo meno 500 sul luogo... Al Broletto i cannoni da 12 avranno fatto dei magnifici buchi... Ne fosse almeno rimasto morto un bel numero... Almeno a quest'ora i Milanesi conoscono la musica dei cannoni da 12... Ora vorre assumermi di pettinare ben bene la citt di Milano, ec. ec. "

 

Tanto questa nota come la prima sarebbero affatto superflue oggid dovunque s'intende il dialetto milanese; ma se alcuno dei nostri ragazzetti da qui a molti anni trovassero fra le anticaglie questo libercolo, e volesse mo' leggerlo e saper tutto, bisogna pur dargli ragione di quanto sta scritto.

 

(5) Eclisse totale di luna la sera del 19 marzo.

 

(6) S, dodici; anzi, solamente pochi mesi addietro, erano tredici; il numero della morte. Austria, Stati Sardi, Svizzera italiana, Parma, Modena, Lucca, Toscana, Romagna, Napoli, Francia in Corsica, Inghilterra e Malta, e i due Stati omeopatici S. Marino e Monaco. Non occupandoci di questi ultimi, che sono due scherzi innocentissimi o, direi quasi, due versi settenarii in un gran poema, cessarono gi in Italia le dominazioni d'Austria, di Parma, di Modena, di Lucca: Ferdinando di Napoli, l'atroce e incorreggibile assassino de' suoi popoli, sembra stanco della vita non che dello scettro: perfino l'ottimo e adorabile Pio, colle ultime perplessit e angustie della sua timoratissima coscienza, pare aver sciolto il gran problema della incompatibilit dei due poteri, e avvicinarsi spontaneo all'evangelico regnum meum non est de hoc mundo. Tutti questi non sono grandi passi alla sospirata meta, l'unit d'Italia? Non pretendiamo dunque di forzare gli avvenimenti che gi si succedono cos inaspettati e meravigliosi allo scopo.

Ci detto, quella parola sciavattitt un po' irriverente e petulantella, non vero? ma riposa sui diritti composti della similitudine, del dialetto, della rima e della libert della stampa, la quale ci ha pur da essere per qualche sugo. Scrivendo in prosa e in lingua nobile, per lo meno avrei detto calzolai, che tutt'altro affare. Per, con qualche eccezione: per esempio, gli ex duchi di Parma e di Modena che, italiani nel cuore d'Italia, stipularono contro i proprj sudditi quella loro famosa alleanza coll'Austria, destando tanto riso o tanta nausea secondo la variet dei temperamenti, valgono forse miglior titolo che di ciabattini? Anzi, dimando perdono a tutti quelli che tirano lo spago di aver messo quei due miserabili, per la rima, a livello del loro mestiere tanto utile e onesto.

Dopo le letture fatte in Milano de' miei versi, mi furono dirette molte esortazioni perch inserissi alcuni accidenti importanti delle Cinque Giornate, da me non avvertiti, fra i quali merita specialissimo rimarco la preziosa invenzione dei bravi Seminaristi che mandavano fuori di citt gli avvisi del Governo provvisorio e del Comitato di guerra col mezzo dei palloncini volanti. Ma, con mio vero rammarico, non fui pi in tempo a riparare questa e altre ommissioni, perch la stampa dell'opuscolo era gi troppo innoltrata.

 

 

 

Torna a Letteratura Milanese

 

Home Page