Letteratura Milanese

Home Page

 

Emilio Guicciardi

(1896 1974)

 

 

*Biografia

 

*Opere consultabili on-line:

*Scighra in Piazza del Dmm

 

*Opere da scaricare e ascoltare:

*Scighra in Piazza del Dmm (interpretazione di Antonio Bozzetti)

*Scighra in Piazza del Dmm (interpretazione di Enza Pria)

*La Nina de Nove (interpretazione di Enza Pria)

 

 

 

 

 

 

 

Testi

 

 

 

Scighra in Piazza del Dmm

(1964)

 

 

(Nebbia In Piazza del Duomo)

 

Fa ninin popoo de cuna...

Va gi el sol... e nass la luna ...

 

La vola, la scighra.

Tutt bombs.

 

La vola per el ciel

la quatta el Dmm

la sghimbia in di porton

la se strusa sui pri

la va e la ven

la se mazzra.

 

Gh' di angiolitt

forsi che piang?

Ma che

Dom pivion

rinfignaa

sul coo di Sant

che dorma

di guli

di demni

che dragonna

che ghigna.

 

Tutt bombs.

 

Ffffffffff...

Ffffffffff...

 

Bocc de lampion

(tazzinn de latt

che fuma)

La gent la fiada fumm.

E m snasi.

Odor

de castgn rostii

de piri cotti!

chi sa indoe

chi sa quand.

Odor

de marscida

bombs a moeuj

gabbad

risera

fumeri che ven su

e tenebror.

 

Uuuuh uuuuh uuuuh!

 

La ven la veen

la stria...

 

L' quella...

L' vuna

 

che a st'ora...

 

Fa ninin...

popooooo...

 

T, no

T, no.

La vola per el ciel

.

E nass la luna .

 

 

 

Fa la nanna bimbo di culla...

va gi il sole... e nasce la luna...

 

Vola, la nebbia.

Tutta bambagia.

 

Vola per il cielo,

copre il Duomo,

s'insinua nei portoni,

s trascina sulle pietre,

va e viene,

si bagna.

 

Ci sono degli angioletti,

forse che piangono?

Macch.

Solo piccioni

rannicchiati

sulla testa dei Santi

che dormono

in cima

alle guglie,

sui demoni

che si agitano,

che ghignano.

 

Tutta bambagia.

 

Fffffffffff

Ffffffffff

 

Bocce di lampioni

(tazzine di latte

che fuma)

La gente respira fumo.

E io annuso.

Odore

di castagne arrosto

di pere cotte!

chi sa dove,

chi sa quando.

Odore

di marcita,

bambagia molle d'acqua,

filagne di gelsi,

risaia fumata che viene su

e oscurit.

 

Uuuuuh uuuuuh uuuuuh!

 

Arriva, la viene

la strega...

 

E' quella...

una che

 

a quest'ora.

 

Fa la nanna...

bambinello...

 

Tu, no,

tu, no.

Lei vola per il cielo.

 

E nasce la luna.

 

Milano, dicembre 1964

 

 

 

Torna a Letteratura Milanese

 

 

Home Page