Letteratura Milanese

 

 

Tommaso Grossi

 

 

 

*Biografia

 

*Testi:

dalle Poesie Milanesi:

* In morte di Carlo Porta

* La Prineide (Sogn)

 

 

 

 

Home Page

 

---

 

 

 

Testi

 

 

 

 

In morte di Carlo Porta

 

L ona brutta giornata scura scura,

El pioeuv a la roversa, el tira vent,

E ghhoo adoss ona tal regneccadura

Che no ghe troeuvi el cunt de fa nient ;

Me senti on cert magon, e ghhoo com

Voeuja de piang, che soo nanch m el perch.

 

Passeggi on poo per la stanza, e guardi foeura

I piant che donden gi per i campagn ;

Strengiuu del frecc me tiri in la streccioeura,

Cont ona man strusandem adree on scagn,

Me setti gi, troo i brasc sul lett, e voo

In tra on cossin e lolter cont el coo.

 

Se sent ona campanna de lontan

L a San Babila Sonna onangonia,

Pensi El compiss giust i duu ms doman

Che hoo vist a Sant Gregori a mettel via;

L com incoeu, de stora ch o pocch de p,

Che sta campanna lha sonaa per l.

 

Pover Porta ! (a ved cosshin i omen)

Ricch, sul fior de letaa, pien de talent,

Ben veduu al mond de tutt i galantomen,

Stimaa de tutta la p brava gent ;

E in del mej de la scenna, bonna nott !

Se smorza i ciar e no gh p nagott.

 

Me regordi de quand dopo vess staa

A fil de mort, el morava on poo,

Chel mha veduu l al lett e l mha ciamaa

Pussee visin, fasendem segn col coo

(Poverett ! el sperava de guar,

E anch m ghaveva di speranz quell d).

 

- Ciavo ! el mha ditt, set ch, car el m Gross ?

Tel st che sont ataa a fil l per and ? -

E dopo av fiadaa: - Ghhoo di gran coss,

di gran notizi che te vuj cunt. -

E intant slongand on brasc el seva miss

A cerc tastonand el crocifiss.

 

L mort quatter d dopo, e hin staa quist ch

I so ultim paroll che m hoo sentuu ;

Chi sa che cossa el me voleva d ?

Oh che consolazion, se avess poduu

Ved el coeur don amis de quella sort

Che leva tornaa indree del pont de mort !

 

Ah che vun chel sia staa con quell stremizi,

De vedess l ridott a lultim pass,

Lha da avegh de cunt di gran notizi,

Lha dav vist el mond a revoltass,

Mud color, e divent, nient manch,

Bianch el negher, on tratt, negher el bianch.

 

 

 

 

 

 

 

Ȓ una brutta giornata scura scura,

che piove a dirotto, tira vento,

e cho addosso una tale tristezza (infreddolito)

che non trovo la forza di far niente;

Mi sento un certo magone, e ho come

Una voglia di piangere, che neanche io s perch.

 

Passeggio un po per la stanza, e guardo fuori

le piante che dondolano gi per le campagne;

stretto dal freddo mi tiro nellangolino,

trascinandomi dietro uno sgabello con la mano.

Mi siedo, porto sul letto le braccia, e vado

tra un cuscino e laltro con la testa.

 

Si sente una campana da lontano

a San Babila Suona un agonia,

Penso Compie giusto domani i due mesi

che lho visto a San Gregorio che lo mettevano via.

come oggi, a questora o poco pi,

che sta campana ha suonato per lui.

 

Povero Porta ! (a veder cosa sono gli uomini)

Ricco, nel fiore degli anni, pieno di talento,

ben visto al mondo da tutti i galantuomini,

stimato da tutta la gente migliore ;

E sul pi bello, buona notte !

Si spengono i lumi e non resta pi niente.

 

Mi ricordo quando dopo essere stato

Sul punto di morte, migliorava un po,

che mi ha visto l presso il letto e mi ha chiamato

pi vicino, facendomi segno con la testa

(Poveretto ! sperava di guarire,

e anchio avevo delle speranze quel giorno).

 

- Ciao ! mi ha detto, sei qui, caro il mio Grossi?

Lo sai che sono stato l l per andare ?

E dopo aver fiatato: - Hoo grandi cose,

grandi notizie da raccontarti.

E intanto slungando un braccio sera messo

A cercare tastonando il crocefisso.

 

morto quattro giorni dopo, e sono state queste

Le ultime parole che gli ho sentito dire ;

Chi sa che cosa mi voleva dire ?

Oh che consolazione, se avessi potuto

Vedere il cuore dun amico di quella sorte

Che era tornato indietro dal punto di morte !

 

Ah uno che sia stato con una tale sofferenza,

da vedersi l ridotto per l ultimo passo,

deve avere da raccontare grandi notizie,

deve aver visto il mondo rivoltarsi,

cambiare colore, e diventare, niente meno

che il bianco nero, e in un tratto, nero il bianco.

 

Il Grossi al capezzale del Porta morente

 

Cossa deventa on Porta ! and a cerc !

Dopo on dessedament de quella sort,

Chi voeur sav cossa el podeva f

Con quell coo, con quell coeur Basta l mort,

L mort, pover Carlin, n l torna p

Quell tutt insemma chel ghaveva l.

 

On talent insc foeura de misura,

Senza nanch lombra mai de dass el ton,

Onanima insc candida, insc pura,

Pienna de carit, de compassion ;

Nassuu, impastaa per fa servizi a tucc,

Che per i amis el sarav cors sui gucc.

 

L mort ? lhoo propi de ved mai p ?

Gh di moment chel me par minga vera ;

Passand de c Taverna guardi su

Sul poggioeu de la stanza in dove lera,

E in del trov quij gelosij sar

Me senti a streng el coeur, a manc el fiaa.

 

No poss minga ved on tabarr niscioeura

A volt in vuna di d port del Mont,

O che comenza appenna aspont foeura

Di strad che gh l intorna in tr i duu Pont,

Senza sentimm a corr gi per i oss

On sgrisor che me gela el sangu adoss.

 

L mort ? l propi mort ? Cossa voeur d

Sta gran parola che fa tant spavent ?

- Chel gh p. - P n ch, n via de ch ?

El gh p el Porta, propi p nient ?

Nient ! me gira el coo capissi n,

Donch come l che ghe vuj ben anca m ?

 

Ah l ona gran consolazion la fed,

L pur anca on gran balsem del dolor !

Lee, el m car Porta, la me dis da cred

Che te set anm viv in del Signor,

E che el mor a sta vita no l staa

Che el dessedass don d a leternitaa.

 

S, el credi, el m Carlin, podarev nanch

Avegh el minim dubi se voress,

S, te set viv anm, sont p che franch,

E t, fors, te me vedet anca adess,

E forsanca te ghee consolazion

Che pensa a t, che ghabbia tant magon.

 

Caro t, in sti duu ms hoo insc piangiuu,

E hoo insc da piang anm del temp che ven,

Ghhoo gust almanch che tabbiet cognossuu

De che manera m thoo voruu ben ;

Che son sicur, sicur chel tha da premm :

Basta, Carlo, on quaj d se vedaremm.

 

 

Cosa diventa un Porta ! V a saperlo !

Dopo un riveglio di tal genere,

chi pu sapere cosa avrebbe potuto fare

con quella testa, con quel cuore Basta, morto.

morto, pover Carlin, n torner pi

Quel tuttuno che aveva lui.

 

Un talento cos fuori misura,

senza mai neanche darsi lombra dun vanto,

onanima cos candida, cos pura,

piena di carit, di compassione ;

nato, apposta per far servizi a tutti,

che per un amico sarebbe corso sugli aghi.

 

morto ? Non devo proprio pi vederlo ?

Ci son dei momenti che non mi par vero ;

passando dalla C Taverna guardo su

sul davanzale della stanza dovera,

e nel trovare quelle imposte chiuse

mi sento stringere il cuore, mancare il fiato.

 

Non posso pi vedere un tabarro (mantello) color nocciola] [entrare in una delle due porte del Monte (Napoleone),] [o che comincia appena a spuntar fuori ] [dalle strade che ci sono l intorno tra i due Ponti, ] [Senza sentirmi correre gi per le ossa

Un brivido che gela il sangue addosso.

 

  morto ? proprio morto ? Cosa vuol dire

questa gran parola che fa tanto spavento ?

- Che non c pi. - Pi n qui, n via di qua ?

Non c pi il Porta, proprio pi niente ?

Niente ! mi gira la testa non capisco,

allora com che gli voglio bene ancora adesso ?

 

Ah una gran consolazione la fede,

anche un gran balsamo per il dolore !

Lei, il mio caro Porta, mi dice di credere

Che sei ancora vivo nel Signore,

e che morire in questa vita non stato altro

che il risvegliarsi di un giorno nelleternit.

 

S, lo credo, el m Carlin, non potrei neanche

averne il minimo dubbio, neanche se volessi,

S, sei ancora vivo, sono pi che sincero,

e tu, forse, mi vedi anche adesso,

E forse anche tu sei consolato

Dal fatto che ti penso e provo tanto magone.

 

Caro te, in questi due mesi ho cos pianto,

e ho ancora cos da piangere nel tempo che viene,

che almeno son contento daverti conosciuto

di modo che tho voluto bene ;

perch son sicuro, sicuro che ti sta a cuore:

Basta, Carlo, un giorno ci rivedremo.

 

Torna allinizio

 

 

La Prineide (Sogn)

Judicatum est de singulis secundum opera ipsorum

Apocalisse (Cap. XX)

 

Lera ona nocc di p indiavolaa,

Scur com in bocca al lff : no se sentiva

Ona pedanna, on moviment, on fiaa

Chel dass indizi de persona viva :

Dom che on can de malarbetta sort

El faceva el versari de la mort;

 

E m che tapasciava in vers Milan

Su la strada Comasna soll solett,

Slongava el pass, ch a parl ciar quell can

El maveva mettuu on poo de spaghett :

Se sent a son i r a on orolocc

Scolti ! l giust in pont la mezza nocc !

 

Caricatura sulla defenestrazione del ministro Prina

 

 

 

Menu Letteratura Milanese

 

Home page